BROKEN SOCIAL SCENE
You Forgot It In People

[ Arts & Crafts - 2002 ]
8
 
Genere: alternative-rock
 
5 luglio 2005
 

Prima un po’ di storia e poi qualche battuta sul disco.

I canadesi Broken Social Scene fanno la loro comparsa sulla scena indie nel vicino 1999, per iniziativa di Kevin Drew e Brendan Canning. I due erano ispettivamente membri di K.C. Accidental e dei By Divine Right. Le loro performances live e le loro idee musicali rendvano necessario l’apporto di molti amici musicisti. Da qui l’idea di istituzzionalizzare questo collettivo dandogli il nome di “Scena sociale aperta”, o qualcosa del genere.

L’esordio dei Broken Social Scene è “Feel Good Lost”, datato 2001. L’alto numero di artisti coinvolti e l’alta qualità del prodotto finale, li accomunarono ad altri enasmble connazionali, quali Hidden Cameras, New Pornographers o Godspeed You! Black Emperor. Tuttavia oltre a questi, non ci sono molti altri elementi comuni, i Broken Social Scene si distinsero immediatamente per una maggior asprità ed urgenza del suono.

“You Forgot It In People” raggiunge vertici elevati e riesce nel difficile compito di mantenere, per tutta la sua durata, un livello complessivo eccellente. Il disco si pone fin dalle prime tracce come un sunto dell’esperienza indie dell’ultimo decennio, non solo canadese. Una rivisitazione dei “classici” con cospiqui apporti personali.

Dopo una breve introduzione elettronica il disco si apre con la post-punk “KC Accidental”, una veloce cavalcata pompata da una batteria insistente e da una chitarra ululante, inframezzata da melodici vocalizzi. Importanti il garage-rock di “Almost Crimes” e il low-fi folk di “Anthems For A Seventeen Year Old”. In quest’ultima la voce di Emily Haines, distorta fin quasi all’androginia, è accompagnata da un elegante connubio tra piano e mandolino. Nel disco, oltre a Emily, canta anche Feist Leslie (più nota col il nome di Feist e basta).

In “You Forgot It In People” è facilmente avvertibile il riverbero dei primi Sonic Youth e quello degli ultimi Yo La Tengo. La presenza dei primi aleggia in tutto il disco, l’ alone dei secondi, invece, è più che altro palpabile nelle strumentali “Pacific Theme” e “Late Nineties Bedroom Rock For The Missionaries” e nell’ ossessività sognante di “Shampo Suicide”.

Questo è un disco che tratta svariati temi musicali pur non focalizzandosi su nessuno, un magnifico incompiuto che rende unici i Broken Social Scene. In questa loro urgente irrequietezza sta la modernità di un sound atemporale.

Tracklist
1. Capture The Flag
2. KC Accidental
3. Stars And Sons
4. Almost Crimes ((Radio Kills Remix) / Broken Social Scene)
5. Looks Just Like The Sun
6. Pacific Theme
7. Anthems For A Seventeen Year Old Girl
8. Cause = Time
9. Late Nineties Bedroom Rock For The Missionaries
10. Shampoo Suicide
11. Lover's Spit
12. I'm Still Your Fag
13. Pitter Patter Goes My Heart
 
 

Gruff Rhys – Babelsberg

Molti conosceranno Gruff Rhys come voce e chitarra dei Super Furry Animals, collettivo gallese capace di qualunque pazzia che dall’ormai ...

Lump – Lump

Chi vi scrive adora le chitarre e le melodie immediate, ma, lasciatemelo dire, di fronte a simili delizie mesmeriche e suggestive non si ...

Chvrches – Love is Dead

Nonostante il titolo possa far pensare ad un album incentrato sulla fine struggente di un amore, “Love is Dead”, terzo album in ...

Twin Shadow – Caer

Partiamo subito dalle conclusioni: quanto avevo apprezzato il synth-pop anni 80 di “Confess” e quanto invece trovo non del tutto ...

Barbarisms – West in the Head

Il titolo del nuovo lavoro dei Barbarisms, “West in the Head” prende spunto da un saggio dello scrittore William H. ...