ANIMAL COLLECTIVE
Sung Tongs

[ Fat Cat - 2004 ]
8
 
Genere: alternative, weird-folk
 
20 Luglio 2005
 

Pur essendo nei negozi già da qualche mese, e pur avendone già trattato in altra sede, forse è il caso di tornare su questo disco, per diversi motivi. In primis perchè l’uscita di altri dischi allineabili a questo hanno delineato una nova scena nell’Indie Americano ed inoltre perché questo stesso disco è stato forse un po’ sottovalutato.

Gli Animal Collective sono un trio americano di nicchia, creatori di una musica sbilenca e sconnessa dominata da chitarre acustiche e da molta elettronica (soprattutto nei primi due dischi). L’ultimo capitolo della loro discografia ha visto l’allontanamento temporaneo di The Geologist, l’uomo del sintetizzatore. Questo cambiamento ha segnato una sensibile diminuzione dell’elemento elettronico a favore di sonorità più acustiche e convenzionali. Il risultato è l’avvicinamento del Collettivo ad una nuova ed innovativa (sicuramente hype) scena folk: la “Pre-War Folk”.

Accostati immediatamente a Devendra Banhart, portabandiera del genere, o ai Cocorosie, sono andati a collocarsi tra le schiere dei musicisti che riprendono le fila direttamente dal folk Americano dell’anteguerra. Questa attitudine Folk finora era rimasta celata sotto cospicui starti d’elettronica.

“Song Tung” è uscito solo poche settimane fa per la Fat Cat e parla gli accordi basilari della musica Folk (quella con la “F” maiuscola), usa quindi un’alfabeto universalmente conosciuto, ma sovente assembleto in costrutti di non facile interpretazione. Gli epiteti fissi del pop vengono letti e riscritti in chiavi diverse, scomposti e rimontati nella loro posizione inversa. Spesso accelerati o rallentati come nel caso della palpitante “We Tiger”. Da contorno fanno un incredibile mix di strumenti etnici da un lato e minimi impreziosimenti elettronici dall’altro.
L’elemento etnico non risulta relegato solo allo strumentario, ma sale prepotentemente all’attenzione anche grazie a certi cori e coretti molto vicini alla tradizione afro. Appare evidente questo nella allegra e scanzonata “Who Could Win A Rabbit” o in “College”.

Un disco estremamente bello e affascinante che propone in chiave estremamente attuale ed innovativa i nobilissimi ed antichissimi (pre-war) temi del Folk e della Psichedelia, affrontati con semplicità infantile e pura genialità.

Credit Foto: Hisham Akira Bharoocha

Tracklist
1. Leaf House
2. Who Could Win A Rabbit
3. The Softest Voice
4. Winters Love
5. Kids On Holiday
6. Sweet Road
7. Visiting Friends
8. College
9. We Tigers
10. Mouth Wooed Her
11. Good Lovin Outside
12. Whaddit I Done
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...