APPALOOSA
Non Posso Stare Senza Di Te

 
Tags:
 
4 febbraio 2006
 

In Italia attualmente la via della perdizione passa da questo gruppo. Livorno, anno di grazia sconosciuto ma presente: gli Appaloosa danno in pasto ai discotecari unz e tunz, ai metallari in fibra di carbonio e agli indie boys tutti converse, frangetta e giubbini in pelle attillati, un disco frenetico e pieno di spunti. “Non posso Stare Senza Di Te” è un mix di UNKLE, Liars, e match di pugilato clandestini.

“Ap(p)ache” è un loop continuo ed ipnotico mentre La Roby è un potente incitamento sonoro alla ribellione (non so verso cosa…attualmente credo che anche voi come il sottoscritto abbiate buoni spunti contro cui scagliarvi). E’ come se gli One Dimensional Man avessero incanalato tutta la loro rabbia facendola convergere a forza mille verso un unico centro focale invece che disperderla in mezzo a schitarrate sghembe e rumorose ma spesso inconcludenti.

Recentemente, intervistando, Simone Di Maggio, colui che negli Appaloosa ha il non facile ruolo di mettere in moto tutte le macchine più infernali del gruppo, è venuto fuori un nome a cui non avevo mai pensato prima: Melvins. Ecco. Gli Appaloosa, per certi versi, potrebbero tranquillamente essere la versione moderna e robotizzata dei Melvins. Adesso veramente credo che non serva aggiungere altro.

Non Posso Stare Senza Di Te
[ Urtovox – 2005 ]
Similar Artist: Chemical Brothers, Oneida, Liars
Rating:
1. Brigidino
2. Ap(p)ache
3. La Roby
4. Non Posso Stare Senza Di Te
5. Victor And Angel
6. Abort & Retry
7. 4 Women
8. Jeff
9. Are you Mons? No, I’m Jurgen
10. Metal Alle Hawai
Tracklist
 
 

Toro Y Moi – Boo Boo

L’album minimale di Toro Y Moy è la nuova fatica di uno degli artisti più…

Haim – Something To Tell You

Non potevano scegliere miglior data di pubblicazione per il loro ritorno sulle scene, le Haim.…

Burial – Subtemple/Beachfires

È trascorso un decennio dal suo ultimo long-playing, ma non si può accusare Burial di…

Japanese Breakfast – Soft ...

Michelle Zauner, ex leader dei Little Big League, dà vita al progetto solista chiamato Japanese…

Ralegh Long – Upwards of ...

Ralegh Long nel suo nuovo lavoro è una zia a cui vuoi anche piuttosto bene…