PLACEBO
Meds

 
Tags:
 
18 Aprile 2006
 
Aria fredda e legame chimico non saturo nascosto dentro le distorsioni di semplici riffs e dietro il rumore elettronico dei trapanatori delle miniere di Golconda (terzo anello). Oddio, forse dire che mi vengono in mente più volte i Depeche Mode era sicuramente più semplice ma vuoi mettere l’effetto dei trapanatori di Golconda? “Meds” è il quinto lavoro della band di Brian Molko che è sopravvissuta non senza piccoli incidenti di percorso (Black Market Music) al brit pop inglese anni novanta. I Placebo sono stati sempre a un passo di distanza dalle lotte tra Oasis e Blur, creandosi una loro piccola e oscura (androgina) dimensione che poco alla volta li ha portati a trasformarsi in un bel fenomeno musicale. E se è vero che basterebbe ascoltare il debut omonimo della band e il secondo album “Without You I’m Nothing”per capire tutto della loro musica senza aver bisogno di ulteriori “approfondimenti” è vero anche che non si può togliere il merito alla band di aver partorito un quinto (!) album veramente accattivante. “Meds”, che vede anche la “comparsa” di VV dei Kills e di Micheal Stipe (mica Pappalardo) in un paio di tracce, è il perfetto punto d’incontro tra la malinconia e l’oscurità di “Without…” e l’elettronica di “Sleeping With Ghosts”. Il risultato è davvero convincente; neanche una nota stonata per un lavoro intimista, romantico e un po’ strafottente come nella migliore tradizione Placebo.
Cover Album
Band Site
Meds [ Astralwerks- 2006 ] – BUY HERE
Similar Artist: : JJ72, Cure
Rating:
1. Meds
2. Infra-Red
3. Drag
4. Space Monkey
5. Follow The Cops Back Home
6. Post Blue
7. Because I Want You
8. Blind
9. Pierrot The Clown
10. Broken Promise
11. One Of A Kind
12. In The Cold Light Of Morning
13. Song To Say Goodbye
Tracklist
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...