CASIOTONE FOR THE PAINFULLY ALONE – ETIQUETTE

 
Tags:
 
12 Maggio 2006
 
Dietro l’ uggiosa sigla Casiotone For The Painfully Alone c’è Owen Ashworth, giovane americano di 28 anni dedito al songwriting di matrice lo – fi con già tre album alle spalle. Il mondo in cui si muove Owen è distante mille miglia dallo showbiz contemporaneo, è fatto di piccole cose, di sentimenti adolescenziali, di storie mai raccontate, di suoni estremamente semplici eppure terribilmente commoventi, schizzi di realtà intime che appartengono ad ognuno di noi. Il nucleo di questa poetica a bassa fedeltà nasce con il debutto datato 1999 intitolato “ Answering Machine Music “, album acerbo, ambizioso e “ originale “ ( per usare un eufemismo… ), tanto da dare ad apparecchi come la segreteria telefonica un ruolo di rilievo nel suono del disco. In verità a modesto parere di chi scrive sia quest’ album che il successivo “ Pocket Symphonies For Lonesome Subways Cars “ ( 2001 ), pure con qualche spunto di maggiore valore rispetto al precedente, ci mostrano ancora un cantautore non in grado di modellare le sue canzoni con le grandi capacità che lascia intravedere. “ Twinkle Echo “ ( 2003 ) indica un piglio più sicuro ed è un ennesimo passo in avanti ma contemporaneamente mostra come CFTPA, alla fatidica terza prova, rischi di smarrirsi nel pantano indietronico del periodo. Insomma la sufficienza piena se l’è guadagnata da tempo lo schivo Owen, ma il salto di qualità decisivo stenta ad arrivare. Tutto questo finchè non compare nei negozi di dischi “ Etiquette”, summa ideale della creatività sonica di Casiotone For The Painfully Alone. Stavolta alla morigeratezza strumentale degli esordi si aggiungono pianoforte, archi, organi ed alcuni amici che collaborano a CFTPA con diversi ruoli. Il risultato è un Pop inteso come popular, intenso come certe minute esperienze quotidiane, fragile e deciso, malinconicamente inquieto e luminosamente emotivo. Nei 30 minuti abbondanti dell’album c’è il singolo “ Young Shields “, che pare uscito dal Maximilian Hecker più elettronicamente ispirato, c’è l’amara ballata intrisa di malinconia à la Tom Waits di “ Don’t The Have Payphones…” , c’è il divertente elettropop sghembo di “ Nashville Parthenons” e quello tutto drum machine di “ Scattered Pearls “, c’è la nenia fiabescha di “ Happy Mother’s Day” e la delicata leggerezza di “ Holly Hobby”, che potrebbe finire a pieno titolo in un cd dei Camera Oscura. E poi c’è “ Bobby Malone Moves Home “, struggente malinconia sorretta dalle note di un piano che commuove come solo Owen Ashworth riesce a fare…
Cover Album

Band Site

Etiquette [ Tomlab – 2006 ] – BUY HERE
Similar Artist: Joseph Arthur, Tom Waits, Maximilian Hecker, Bright Eyes
Rating:
1. Etiquette I.D.
2. New Year’s Kiss
3. Young Shields
4. I Love Creedence
5. Nashville Parthenon
6. Scattered Pearls
8. Holly Hobby (version)
9. Cold White Christmas
10. Bobby Malone Moves Home
11. Don’t They Have Payphones Wherever You Were Last Night
12. Love Connection
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...