BARZIN
My Life In Rooms

 
Tags:
 
26 Giugno 2006
 

Se ritenete di dover qualcosa all’estate che imperversa da qualche giorno, magari ascoltando dischi allegri, solari, caldi e dai ritornelli appiccicosi, state assolutamente lontani da questo disco. Se invece la stagione del sole e del caldo non vi entusiasma e magari preferite le tinte cangianti e gli umori instabili di ottobre o di aprile e maggio (insomma le tanto invocate mezze stagioni), e avete voglia di rilassante introspezione, “My Life In Rooms” è quello che fa per voi. Quello che può dar fastidio dell’estate è la sua monolitica staticità fatta di caldo, sudore e code sulla Salerno-Reggio Calabria, mentre io personalmente amo i contrasti, come ad esempio una giornata di sole rinfrescata dal vento, o il mutare delle nuvole in sottili gocce di pioggia.

Di questi tempi non resta che immaginarsele queste cose, e il canadese Barzin, alias Mike Findlay mi sta dando una grossa mano in questo senso. Puro slow-core, fatto di poesia e piccoli ingredienti: chitarre, archi, qualche tastiera, delle percussioni mai pestate a sangue ed una drum machine di tanto in tanto. Elogio della lentezza si potrebbe dire banalmente, ma se vi piace una certa poetica malinconica tipica dei Red House Painters e di alcune produzioni degli Sparklehorse, non potrete che innamorarvi di queste nove composizioni. Innanzitutto, vista la qualità media sempre molto alta di ogni singolo brano è difficile individuarne i picchi.In effetti ora potrei dirvi “Let’s Go Driving” oppure “Won’t You Come”, e domani invece indicarvi “Just More Drugs” oppure un altro passaggio della scaletta. Dipende da dove vengono i vostri pensieri e da che coincidenze emotive trasportino le note di una canzone su un determinato ricordo.

Umori notturni e note sottili intrecciate ad una voce che qualche effetto rende impercettibilmente shoegaze, adatti alle ultime ore della vostre giornate o alle prime luci dell’alba se siete degli inguaribili insonni. E se volete essere aiutati a capire meglio i vostri pensieri, ed in fondo voi stessi, dovreste assolutamente accompagnarvi con dischi come questo.

My Life In Rooms [ Monotreme – 2006 ]
BUY HERE
Similar Artist: Red House Painters, Sparklehorse, Spain, Tindersticks, Smog
Rating:
1. Let’s Go Driving
2. So Much Time To Call My Own
3. Leaving Time
4. Just More Drugs
5. Take This Blue
6. Acoustic Guitar Phase
7. Won’t You Come
8. Sometimes In The Night
9. My Life In Rooms
Tracklist
 
 

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...

Klippa Kloppa – Liberty

Attivi da tantissimi anni (il loro primo album ufficiale, targato Snowdonia, risale al 2003), i campani Klippa Kloppa nel loro lungo ...

Longwave- If We Ever Live Forever

Bisogna fare un piccolo sforzo, spremerci un pochino le meningi per ricordarci dei Longwave. Il loro ultimo album “‘Secrets Are ...