SUFJAN STEVENS
The Avalanche: Outtakes & Extras from Illinois Album

 
 
di PaMeLlO
30 giugno 2006
 
Lasciati i grandi laghi del Michigan, Sufjan Stevens sale sul suo vecchio van da cantautore e, insieme ad i suoi amici, riparte per l’Illinois; ma questa volta sceglie un percorso diverso, lungo strade nascoste; evitando consapevolmente le vie principali, in cui i Greyhound vanno e vengono, con i loro carichi di speranza e disperazione. Un percorso che passa per le strade provinciali: incrocia la “Springfield” di Andrew Bird; si ferma ancora per una ballata in quella “Chicago” in cui si innamorò; torna nella casa dei suoi nonni e ripensa ad una vecchia storia d’amore (“Pittsfield”), che sembra scritta da Elliott Smith; mangia un panino davanti alla statua di “Adlai Stevenson”, sporcata dai piccioni ed ignorata dai bambini della scuola, mentre la banda dei Beirut di Gulag Orkestar intona una marcia; si ferma, di tanto in tanto, in qualche vecchio locale a suonare. Il tempo di abbozzare sul suo moleskine i volti e le vite delle persone che incontra; il tempo di ricevere da ognuno di loro qualcosa da conservare: un prete a cui nessuno crede più (“The Henney Buggy Band”), un uomo alla ricerca di se stesso (“The Perpetual Self”), un calcolatore a cui fare domande sulla vita (Dear Mr Supercomputer). The Avalanche è un disco che non doveva essere pubblicato; i cui personaggi sarebbero dovuti morire ancor prima di vedere il mondo; contiene suoni e sentimenti a cui l’autore non si è sentito di dare subito voce. E’ come un furgone che passa per una strada di quartiere, silenziosa e deserta e, con la sua musica, rianima gli abitanti del sobborgo, fa affacciare gli anziani alle finestra, correre fuori i bambini e poi, lentamente, si allontana fino a scomparire.
Cover Album
Band Site
The Avalanche: Outtakes & Extras from Illinois Album [ Asthmatic Kitty- 2006 ] – BUY HERE
Genere: folk-pop, songwriting
Rating:
1. The Avalanche
2. Dear Mr. Supercomputer
3. Adlai Stevenson
4. The Vivian Girls Are Visited
In the Night by Saint Dararius
and his Squadron of Benevolent
Butterflies
5. Chicago (Acoustic Version)
6. The Henney Buggy Band
7. Soul Bellow
8. Carlyle Lake
9. Springfield, or Bobby Got a
Shadfly Caught in his Hair
10. The Mistress Witch from
McClure (or, The Mind
That Knows Itself)
11. Kaskadia River
12. Chicago (Adult Contemporary
Easy Listening Version)
13. Inaugural Pop Music For Jane
Margaret Byrne
14. No Man’s Land
15. The Palm Sunday Tornado Hits
Crystal Lake
16. The Pick-up
17. The Perpetual Self,
Or “What Would Saul Alinsky Do?”
18. For Clyde Tombaugh
19. Chicago (Multiple Personality
Disorder version)
20. Pittsfield
Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…