MILOSH
Meme

 
Tags:
 
di
6 luglio 2006
 
I marciapiedi ancora umidi; l’odore dei quarter-pound dei fast-food; l’aria che preannuncia la pioggia; lo spostarsi da un pub all’altro, da una pinta all’altra, in cerca di un po’di sollievo per la nostra solitudine; il camminare in una città (“The City”), Londra forse – ma potrebbe essere una qualsiasi città anglosassone (Cork?); le luci dei semafori, le macchine che passano e sembrano ferirci col rumore dei loro motori e la loro indifferenza. La nostra storia d’amore è appena finita (“It’s Over”) e cerchiamo un rifugio nella “musica ottimistica per tempi pessimistici” di Mike Milosh. Col suo secondo disco, Meme, il canadese di Toronto ci spinge a sospendere ogni azione e concentrarci su noi stessi: sui più piccoli rumori notturni della nostra insonnia, che hanno il suono dei Telefon Tel Aviv (“Couldn’t sleep”); sui timidi tentativi di ricominciare, sulle note di pianoforte di “I’m Trying”, che fanno pensare alla Barbara Morgenstern del recente The Grass Is Always Greener (“I’m trying”); sulla voce sensuale – che ci ricorda Goldfrapp – di avventure senza futuro, che non riesce a colmare il nostro vuoto (“You Fill Me”); e sul fatto che, ri-cominciare ad uscire dal rifugio à-la Four Tet della nostra stanza (“Playing With Yen”), e separarci dal nostro laptop, non è mai facile.
Meme consiste di undici tappeti sonori che tracciano, su una mappa esistenziale, il ritrovarci improvvisamente soli, attraverso segni di percussioni, scratch, piano e liriche semplici quanto ipnotiche; sono canzoni da ascoltare seduti sull’autobus o sulla metropolitana, per riposarci un po’ dalla fatica dell’esistenza. E anche se il rischio è quello di fermarci all’immobilità dei nostri pensieri, una volta finito il disco, riprenderemo a girare per la città con una grande gioia dentro.
Cover Album
Band Site
Meme [ Plug Research- 2006 ] – BUY HERE
Similar Artist: Telefon Tel Aviv, Barbara Morgenstern, Four Tet
Rating:
1. It’s Over
2. Falling Away
3. Couldn’t Sleep
4. You Fill Me
5. Instrumental
6. I’m Trying
7. City
8. My Life
9. This Way
10. Run Away
11. Playing With Yen
Tracklist
 
  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com/ Just

    vèri intresting!…mi piace questa elettronica esistenzialista!

  • fran_pi_

    very very interesting, ci stiamo lentamente avviando alla inizio ufficiale de “la grande stagione dell’ indie-tronica” !??!?!
    se così fosse sono almeno contento che sia finita l’ondata revivalista-ruffiana new-new-wave.(con tutto il rispetto per chi già c’era e per chi l’ha fatto con innocenza)

  • PaMeLlO

    ringrazio tutti per i commenti e mi associo a Fran_pi_ riguardo la new wave ruffianante-revivalista.

  • Pingback: Indie For BUNNIES » Milosh - iii()

 

Dengue Dengue Dengue – Siete ...

In questa estate 2016 il Perù è tornato prepotentemente centrale nella geografia musicale contemporanea: è…

Beach Slang – A Loud Bash Of ...

“A Loud Bash of Teenage Feelings” è il nuovo, meraviglioso, album di James Alex, Rubens…

Savoir Adore – The Love That ...

Savoir Adore erano un duo, composto da Paul Hammer e Deidre Muro. L’uscita di scena…

Sam Coomes – Bugger Me

Sam Coomes è una delle mie tardive ma graditissime “scoperte” di polistrumentisti dalle molteplici e…

Car Seat Headrest – Teens of ...

Ci sono pose, magliette, modi di dire, amicizie che invecchiano malissimo. Così come Facebook ci…