TV ON THE RADIO
Return To Cookie Mountain

 
 
7 agosto 2006
 

La visione lucida del pop moderno.

Dave Sitek dopo aver forgiato il suono di Liars e Yeah Yeah Yeahs, accompagnato dalla coppia Kyp Malone e Tunde Adebimpe (un’unica voce, un’unica anima) ha dato vita ai Tv On The Radio che con solo un ep ed un album sono riusciti a delineare uno dei suoni più personali, riconoscibili e significativi degli ultimi anni: è l’ennesima fusione a freddo di ogni negritudine con le nuove e vecchie onde bianche, è soul nucleare, il “Gospel” riaggiornato all’11 Settembre.

Sono scariche elettrostatiche e ritmiche contorte sigillate insieme da fiati profondi ed improbabili quanto magnetici cori in falsetto.

Questo secondo disco, “Return to Cookie Mountain”, non fa altro che aggiustare la mira, addentrarsi più in profondità, smussare angoli e riempire vuoti.
Ne risulta un lavoro più omogeneo, denso, saturo.
Le canzoni sono un unico corpo rovente pronto a mostrarsi al mondo in tutta la sua visionaria ed apocalittica bellezza.
Il tutto con uno spirito ed un respiro assolutamente ed invidiabilmente pop, anzi, il suo stato dell’arte: il (un) suono dell’oggi.
Non vorrete mica aspettare domani per ascoltarlo?

Cover Album
Band Site
Return To Cookie Mountain [ 4ad – 2006 ] – BUY HERE
Similar Artist: Peter Gabriel, David Bowie, Depeche Mode
Rating:
1. I Was A Lover
2. Hours
3. Province
4. Playhouses
5. Wolf Like Me
6. Method
7. Let The Devil In
8. Dirtywhirl
9. Blues from Down Here
10. Tonight
11. Wash The Day
Tracklist
 
 

Karl Culley – Stripling

Musicista e poeta senza alcun dubbio, ma anche un carattere amarognolo che alloggia dalle parti…

Ezra Furman – Perpetual ...

Ezra Furman è musicista e personaggio. Bastian contrario, ebreo, bisessuale e “gender fluid” (come ama…

Mac DeMarco – Another One

Incredibile colpo estivo quello arrivato in una rovente e scottante estate 2015. Colpo inaspettato ma…

Ash – Kablammo!

Ricalcano le scene discografiche dopo un lungo silenzio, e lo fanno con “Kablammo!”, una estrazione…

Sweet John Bloom – Weird ...

Nella circolazione sanguigna tutti l’indie possibile degli anni Novanta, quella potenza vortex sempre più allargata…