TV ON THE RADIO
Return To Cookie Mountain

 
 
di Astar Goodman
7 agosto 2006
 

La visione lucida del pop moderno.

Dave Sitek dopo aver forgiato il suono di Liars e Yeah Yeah Yeahs, accompagnato dalla coppia Kyp Malone e Tunde Adebimpe (un’unica voce, un’unica anima) ha dato vita ai Tv On The Radio che con solo un ep ed un album sono riusciti a delineare uno dei suoni più personali, riconoscibili e significativi degli ultimi anni: è l’ennesima fusione a freddo di ogni negritudine con le nuove e vecchie onde bianche, è soul nucleare, il “Gospel” riaggiornato all’11 Settembre.

Sono scariche elettrostatiche e ritmiche contorte sigillate insieme da fiati profondi ed improbabili quanto magnetici cori in falsetto.

Questo secondo disco, “Return to Cookie Mountain”, non fa altro che aggiustare la mira, addentrarsi più in profondità, smussare angoli e riempire vuoti.
Ne risulta un lavoro più omogeneo, denso, saturo.
Le canzoni sono un unico corpo rovente pronto a mostrarsi al mondo in tutta la sua visionaria ed apocalittica bellezza.
Il tutto con uno spirito ed un respiro assolutamente ed invidiabilmente pop, anzi, il suo stato dell’arte: il (un) suono dell’oggi.
Non vorrete mica aspettare domani per ascoltarlo?

Cover Album
Band Site
Return To Cookie Mountain [ 4ad – 2006 ] – BUY HERE
Similar Artist: Peter Gabriel, David Bowie, Depeche Mode
Rating:
1. I Was A Lover
2. Hours
3. Province
4. Playhouses
5. Wolf Like Me
6. Method
7. Let The Devil In
8. Dirtywhirl
9. Blues from Down Here
10. Tonight
11. Wash The Day
Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

The Fire – Bittersweet EP

Dal 2005 i The Fire hanno portato la loro musica in giro per l’Europa, dividendo…

Feet Down Below – S/T

I piacentini Feet Down Below, non sono quelle band che si tuffano a capofitto in…

Wet Floor – Profezia In 12 ...

Idolatria “fuck off”, questo gira come valore supremo nel nuovo disco dei monzesi Wet Floor,…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…