BEIRUT
Gulag Orkestar

[ Ba Da Bing Records - 2006 ]
7.5
 
Genere: folk, chamber pop, folk-pop
Tags:
 
12 Settembre 2006
 

Rapido mente locale alla nostra adolescenza da sedicenni.
Scuola per gran parte del giorno, cazzeggio in giro per il quartiere o provincia tra motorini, bar e qualche calcio al pallone, la sera giusto sporadiche e rapidi boccate d’aria. Francamente non ricordo di più.
E poi c’erano le vacanze. Queste rigorosamente con i genitori invidiando conoscenti o semplici coetanei già abilitati alle prime esperienze in solitario, magari in campeggio, comunque non a più di 3-4 ore di macchina da casa. A grandi linee è stato per tutti così. Al meno nel nostro paese. Stesse considerazioni appaiono infatti fuori luogo se applicate a paesi d’oltreoceano, dove certe libertà, nel bene e nel male, si conquistano ben prima della maggiore età.

Non c’è da stupirsi quindi se Zach, ragazzino canadese, per ravvivare la sua estate altrimenti piatta in quel della natìa Albuquerque, abbia fatto armi e bagagli finendo per girovagare in lungo e largo per l’Europa dell’Est.

Folgorato sulla via di Belgrado (o Spalato, o Bratislava, fate voi, poco importa…) il ventenne, già precoce compositore (non ancora quindicenne ha al suo attivo un album di elettro-pop ed uno di doo-woop) consegna alle stampe un lavoro da più parti indicato come autentica rivelazione dell’anno in corso.

Fregandosene dell’imperante hype che vuole il Canada incontrastata patria dell’indie-rock, saltando a piè pari accostamenti, a quanto pare necessari al giorno d’oggi se vuoi far sentir parlare della tua musica, con i connazionali Arcade Fire, Broken Social Scene e compagnia bella, il solo-project di questo talentuoso artista, organizza un bel falò di chitarre elettriche e amplificatori, inscenando intorno ad esso, una festa gitana al chiarore di luna.

Mandolini, ukulele, tamburi, organi, clarinetti, campanacci, fisarmoniche, ect… Condon è accompagnato da i soli Barnes e Trost (orbitanti nei collettivo “Neutral Milk Hotel” e “A Hawk And A Hacksaw”) ma suona come una debordante orchestra gitana, stupendo per la facilità con cui riproduce umori e sensazioni di paesi lontani, visitati solo per pochi giorni.

Se infatti i Gogol Bordello con il loro gipsy-punk hanno incarnato alla perfezione l’anima festosa e spensierata della cultura balcanica, fornendo perfette colonne sonore a scene di matrimonio o pazze feste circensi (penso a “Gatto Nero , Gatto Bianco” di Kusturica) la musica di Zach Condon chiude incredibilmente il cerchio dando forma e sostanza al lato più malinconico e se volete drammatico di un popolo così fortemente in bilico tra un’ immensa voglia di vivere ed una realtà quotidiana fatta di mille difficoltà.

Marcette funebri interpretate da brass-band gitane, lamentose ballate folk intonante da chi di mestiere fa l’immigrato ma non scorda di certo le proprie radici , flebili accenni latini e country-western (l’est europeo proposto come paesaggio ‘borderline’ ), ancora una volta il processo di sdoganamento di un genere considerato di nicchia come in questo caso la musica etnica trova principale artefice in un personaggio in grado di accogliere innumerevoli consensi anche e soprattutto tra il popolo indie.

Tracklist
1. The Gulag Orkestar
2. Prenzlauerberg
3. Brandenburg
4. Postcards From Italy
5. Mount Wroclai (Idle Days)
6. Rhineland (Heartland)
7. Scenic World
8. Bratislava
9. The Bunker
10. The Canals Of Our City
11. After The Curtain
 

8 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

bella recensione di un bel disco di cui – immodestamente – mi accorsi in tempi non sospetti 😉 . l’atmosfera da marcia funebre però – alla lunga – potrebbe stancare…
i samples comunque sono davvero belli – forse i due brani più belli del disco…

Axel questa è la migliore recensione scritta in Italia su questo artista lo sai? Ne sei consapevole? Ne ho lette un bel po’ su sto tizio (che maledettamente ancora non riesco ad ascoltare…eh…ma siamo arrivati eh…da domani connesisone veloce e modem lento giù dalla finestra!!!!) e questa è di gran lunga la più completa…

…comunque io già ben prima dei sedici anni mi ero beccato con i miei amici una mezza denuncia per atti vandalici, in seguito “il denunciante” rinunciò alla sua incazzatura, le vacanze da solo a me cominciarono presto e furono lo scenario inquietante di alcuni episodi al limite dell’inverosimile (ti dico solo che durante una vacanza a Montesilvano partì con i capelli tinti di nero corvino e dopo 4 e dico cazzo 4 decolorazioni diventai platino più di ether parisi) poi arrivato ai sedici anni il mio status da teppista era all’apice, non poteva far altro che cadere giù lentamente anno dopo anno…adesso sono tranquillo tranquillo.
come uno gnù.

…il fatto che pamello commenti sempre qualche minuto prima di me, anche in contemporanea ma sempre prima lui, comincia a darmi sui nervi cazzo…

Bella recensione che condivido pienamente.

giov, rassegnati: è l’evoluzione della specie… (forse dovrei smettere di guardare sto’invasion…) 😉

bella recensione per un bel disco.
è un po’ che lo ascolto e sicuramente è qcs di diverso dal solito!

Indie For BUNNIES » “INDIE TOP 10 ALBUM” 2006 by Astar Goodman

[…] “GULAG ORKESTAR” review on INDIE FOR BUNNIES […]

Indie For BUNNIES » MUSIC BLOG TOP 100 ALBUM 2006 - from #25 to #11

[…] “GULAG ORKESTAR” review on INDIE FOR BUNNIES   […]

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments