THE MARS VOLTA
Amputechture

 
 
25 Novembre 2006
 

[ratings]

Originalità e qualità: sinonimi?
Il buon Marinetti già aveva sviscerato e colto l’importanza della questione un secolo fa, e in ogni caso la risposta sembra essere ancora lontana.
E con la nuova release di casa UNIVERSAL/GSL non è che gli ispirati Mars Volta rendano più semplice il compito rispondere alla grande questione.
Personalmente quando si tirano in ballo i TMV faccio obiettivamente fatica a non rimanere incantato dalla magia che pervade, inonda e circonda questa band(a), da ritenere quasi alla pari di una setta per il carisma e il coinvolgimento che riescono ad esercitare. Con lo scopo ben preciso di destrutturate ogni concetto musicale assodato e percorrere nuove vie senza preconcetti di sorta, alla ricerca della forma canzone aggrappandosi anche all’improvvisazione pur di creare senso di smarrimento.
Amputechture è stato ampiamente tacciato di essere un’opera rovente, per i presupposti molteplici e angoscianti legami con il mondo delle religioni, dell’ignoto e dell’occulto.
Possono esserci fondamenti relativamente a questo discorso o può anche essere che tutto sia un tam tam sollevato gratuitamente, di certo resta l’evidenza che i dodici evocativi titoli non fanno altro che suffragare la prima tesi, celebrando continuamente feticci e icone di ogni genere religioso come bafometti, cervi e viscere.
Le monsoniche provocazioni psych, mai patetiche e insipide, per questo gruppo che dedica la stessa ricercatezza ed attenzione sia alle liriche che al sound, schiantano l’ascoltatore-discepolo.
Si può trovare di tutto e anche il suo opposto, strumenti banali trattati con sapienza esplorano l’ancora ignoto.
Le molteplici fonti culturali, dalle quali prendono spunto le menti creative Cedric e Omar, sono esimi personaggi della pittura, del cinema, delle arti in generale, i quali gli hanno formato un preciso background, di alto ed eterogeneo livello intellettuale. Ma la compattezza ideologica non scema mai e in questo modo ci si può permettere di spaziare da scampi elettronici (Tetragrammaton) a tracce noise (Meccamputechture).
Il lurido giaciglio Asilos Magdalena porta oltre la linea di galleggiamento tutte le debolezze umane finora sommesse e la profonda drammaturgia di questa scheggia rende solo un inutile esercizio fine a sé stesso ricacciare sotto al livello di controllo a questo punto.
Mai ampolloso e debole, è uno dei classici lavori che merita le fuckin’ cinque stelline, ma una critica bisognerà pure farla, non ci si vorrà mica illudere che sia stata raggiunta la perfezione? A voi il difficoltoso compito, anche se il tentativo, iniziato con De-loused In The Comatorium e proseguito con Frances The Mute, è chiaramente in atto.
Che sogno se venissero prodotti ogni anno almeno tre-quattro album di questo sfolgorante livello, in grado di impegnare un paio di mesi per riuscire a maturare un giudizio netto e poi cento anni per farti allontanare da esso.
Io non sono ancora riuscito a sfuggire alla trappola Martiana, e soprattutto lungi da me questa urgenza.
Cover Album
Official Site
Amputechture [ Universal – 2006 ] BUY HERE
Similar Artist: Pink Floyd, Jane’s Addiction, Ennio Morricone, Jimi Hendrix, The Blood Brothers
Rating:
1. Vicarious Atonement
2. Tetragrammaton
3. Vermicide
4. Meccamputechture
5. Asilos Magdalena
6. Viscera Eyes
7. Day Of The Baphomets
8. El Ciervo Vulnerado
Tracklist
 
 

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...

Klippa Kloppa – Liberty

Attivi da tantissimi anni (il loro primo album ufficiale, targato Snowdonia, risale al 2003), i campani Klippa Kloppa nel loro lungo ...

Longwave- If We Ever Live Forever

Bisogna fare un piccolo sforzo, spremerci un pochino le meningi per ricordarci dei Longwave. Il loro ultimo album “‘Secrets Are ...