WOLF EYES
Human Animal

 
Tags:
 
28 Novembre 2006
 

[ratings]

Sì. Volendo farla breve, si parlerà di rumore, al limite dell’ascoltabile (eppure).
Quindi se volete fermatevi pure qua e non andate oltre con la lettura.
Quello che troverete in questo disco in termini “sonori” è un bilanciato alternarsi di: Deserti artici interiori, illimitati spazi vuoti, cavità buie e rimbombanti.
Crescere di tensioni e stridori stratificati. Attacchi d’acido escoriante e confusione mentale. Si tratta di un ottima sintesi spaventosamente ed inevitabilmente moderna di molte “avanguardie” e suoni estremi: doom, industrial, ambient, harsh noise, power electronics, grind, free jazz.
Eppure, in fondo, qualcosa di umano resta. Una qualche volontà di ordinare, per quel che si può, il caos. Il ricominciare dalla polvere, dalle macerie, da quel che rimane (è rimasto). Il tentare di riformulare nuovamente un linguaggio dopo che ogni parola ha perso significato. E’ come la premonizione di una nuova età della pietra dove si ricomincerà ad emulare per esorcizzarlo tutto ciò che terrorizza e non si comprende. E’ il desiderio innato e fiero del superamento della paura e del dolore, non una sterile apologia dell’uomo animale ma l’eroica e dolorosa rinascita dell’animale umano.
Perché occorre ascoltare questa (non) musica?
Evidentemente, non occorre affatto. Di dischi simili ne sono anche già esistiti e probabilmente ne continueranno ad esistere, diciamo solo che questo è l’attuale stato dell’arte. Il fatto semmai è che i Wolf Eyes esistono e proliferano ben più di quello che la loro discografia ufficiale lascia intravedere e questo potrebbe bastare per farci dormire sonni meno tranquilli.
Per chi poi volesse sfidarsi e cimentarsi nell’esperienza dell’ascolto di questo disco, sappia che non è affatto escluso che possa rimanerne inspiegabilmente attratto. E’ il terrore-fascino per ciò che è immenso, infinitamente senza fine, inspiegabilmente oscuro. Il fascino proibito delle unghie sulla lavagna. Il vuoto improvviso che provoca tachicardia.
E’ perciò impossibile consigliare a tutti indistintamente questo disco e comunque non necessario. Personalmente non ho resisistito e ci ho provato. Sono vivo. Potete farcela anche voi.

Band Site on Sub Pop
MySpace
Human Animal [ Sub Pop – 2006 ] BUY HERE
Similar Artist: Liars, Black Dice, Throbbing Gristle
Rating:
1. A Million Years
2. Lake Of Roaches
3. Rationed Rot
4. Human Animal
5. Rusted Mange
6. Leper War
7. The Driller
8. Noise Not Music
Tracklist
 
 

La Roux – Supervision

Terzo album per Elly Jackson, che dopo l’enorme successo dell’esordio “La Roux” dieci anni fa ha dovuto affrontare enormi ...

Wire – Mind Hive

E siamo a 17. La band di Colin Newman, Graham Lewis, Robert Grey e Matthew Simms conosciuta da oltre quarantanni con il nome di Wire ...

TUM – Take Off and Landing

di Beatrice Bianchi Se sull’aereo durante un volo intercontinentale dalla Lapponia all’India vi capitasse di ritrovarvi seduti di fianco ...

Polica – When We Stay Alive

Cosa succede quando si resta vivi nonostante tutto? Se lo chiede Channy Leaneagh, energica frontwoman dei Poliça in un album nato prima, ...

En Attendant Ana – Julliet

“C’era un lungo capello nella sua minestra. Subito lo tirò via, fermamente deciso a cercare il resto di quella donna.” ...