PAOLO SAPORITI
The Restless Fall

 
 
2 dicembre 2006
 

Sdraiato sul pavimento a pancia in su osservo il soffitto ma non guardo veramente. Troppo distratto dal contorno e dai pensieri. Non guardo attraverso. Mi fermo inerme nei pressi di uno sbiadimento schiacciante. Davanti agli occhi scorrono le immagini di pensieri autunnali. Odio questa pioggia martellante e il grigio che la sovrasta. Mi convinco sempre di più che il mio futuro non sarà qui. Intanto i pori cutanei si allargano e lasciano filtrare all’interno la musica di “Restless Fall”. Esatto. Quest’autunno è irrequieto. Agitatissimo e tremendamente statico allo stesso tempo. Sommerso da una coltre di neve che deve ancora cadere ma che sembra già aver tappato tutti i buchi da cui prima filtravano i raggi di speranze assolate e cocenti. Non me ne vorrà Damien Rice ma stavolta c’è qualcuno che soffre e ama un po’ più forte di lui. Ed è italiano.

Attaccamento straordinario alla realtà delle cose. Una chitarra acustica e una voce caldissima che trascina per i capelli anche l’anima delle mattonelle del pavimento fino alle porte di una bella sensazione (provare “Needles In My Heart”). Una voce che si ricorda di un’epoca americana targata grunge, che quando sceglieva un vestito diverso e più morbido per andare in scena sapeva colpire altrettanto forte al cuore; ecco quindi che “Did You Hit Me?” ripercorre i binari tracciati dalle atmosfere del famoso Unplugged degli Alice In Chains del 1996. A volte s’intravede il sorriso velato di tristezza di Jeff Buckley. La conclusione invece è affidata a una canzone che potrebbe rappresentare l’arma più romantica e spietata nell’arco di un Eric Clapton in versione acustica. Il folk brilla. Continuerà a brillare anche sotto la neve e sotto le foglie morte che cadono da alberi infreddoliti eppure muti fino all’inverosimile. Foglie morte. Ottima la grafica targata Hellcat e altrettanto bello il concepimento dell’intero disco, chiuso dentro a un cartoncino ruvido da cui si estrae l’elegante ‘papiro’ dei testi. Profondità.

Questo disco scava e lo fa alla grande servendosi solo di una chitarra acustica. Uno degli episodi migliori del 2006 nel suo genere. Quando in un quadro il soggetto si adegua perfettamente al contesto dell’opera si parla di isomorfismo. Nel caso di “Restless Fall” è impossibile sfuggire a questo termine perché la musica in esso contenuta non potrebbe incollarsi meglio a quello che si vede, osservando il paesaggio che dorme ad appena pochi centimetri fuori dalla finestra.

The Restless Fall
[ Canebagnato – 2006 ]
Similar Artist: Damien Rice, Vetiver, Nick Drake
Rating:
1. Troublelike
2. Seen My Child
3. Down
4. Oh My Lips
5. My Fingertips
6. Raw Man
7. Though It’s Only Water
8. Did You Hit Me?
9. The Sailor Of The Sun
10. Needles In My Heart
11. Black Crows
12. Indeed

PAOLO SAPORITI su IndieForBunnies:

Tracklist
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...