TERJE NORDGARDEN
A Brighter Kind Of Blue

 
 
26 dicembre 2006
 
Ultimamente questo e’ il mio disco della sera, quando voglio rilassarmi e godermi i miei percorsi mentali. Canzoni che aiutano i pensieri a distendersi, non li tagliano a fette e non li nebulizzano con microscopiche gocce di tristezza velate di malinconia. Il pregio/difetto di questo secondo lavoro del norvegese Nordgarden, anche se ormai italiano di adozione, e’ che non arriva a farti tremare le ossa e a farti crollare addosso il tetto di stelle che romanticamente avevi creato dentro di te. Ti accompagna e ti riscalda come un tiepido e timido fuoco. Dal punto di vista stilistico siamo sempre dalle parti del cantautore che imbraccia la chitarra acustica, chiama qualche amico a suonare qualche altro strumento (in questo caso una tromba, degli archi e poco altro), e si diverte a scrivere semplici ballate dal piglio talvolta lievemente jazzato. Di sicuro c’è che il ragazzo sa come scrivere una buona canzone ed avendo abbandonato la prolissità che aveva fatto del disco desordio un lavoro che piaceva a metà, ci offre una solida prova di cantautorato acustico. Questo disco si sta facendo subdolamente spazio nella mia quotidianità, per chi, pur non risultando memorabile o indispensabile per i miei umori, riesce a mettere ordine nelle mie cose offrendomi il modo di deframmentare il mio hard disk mentale in meno di quaranta minuti. Mettere un limite al mio caos interiore, ecco lo scopo di questo blu luminoso di cui si parla nel titolo.
MySpace
A Brighter Kind Of Blue [ Stoutmusic – 2006 ] – BUY HERE
Similar Artist: Damien Rice, Nick Drake, John Martyn
Rating:
01. A Brighter Kind
Of Blue

02. The Gift Of Song
03. My Father The Sailor
04. Good Things Die
05. Blessed
06. Metronome
07. To The River
08. Monday
09. What Would Ol’ Bob Say?
10. Weeks At A Time
Tracklist
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...