CLAP YOUR HANDS SAY YEAH
Some Loud Thunder

[ autoprodotto - 2007 ]
6.5
 
Genere: alternative rock
 
di
8 Febbraio 2007
 

Clap Your Hands Say Yeah, Autoprodotto, Scena Seconda. Dopo tutto questo parlare – blog soprattutto – si pensava che i CYHSY avessero ancora molto da dire; che non fossero una semplice sirena: sempre più forte man mano che si avvicina, per poi dissolversi – allontanandosi – fino a scomparire. Il primo disco della band di Brooklyn fu come un cristallo rotto nella quiete di una stanza: si pensò fosse l’inizio di qualcosa di grande, di un nuovo genere musicale.

Questa volta il rumore vorrebbe essere ancora più forte: un tuono fragoroso che scuota e che – per questo – venga ricordato. Ma il risultato che genera non è quello tanto sperato ed atteso (almeno per le orecchie del sottoscritto): assomiglia piuttosto ad un suono astratto, figlio di una stagione fredda e buia. La voce di Alec Ounsworth oscilla tra un Julian Casablancas a fine corsa ed uno Spencer Krug poco ispirato, molto più vicino all’esperienza Swan Lake che agli altri suoi progetti (“Love Song No. 7″). I CYHSY cercano qui di fare “i strani”, mischiando strumentazione classica (piano, fisarmonica, chitarra acustica) con “rumorose” deframmentazioni/percussioni (“Emily Jean Stock”) ed effetti elettronici; destrutturano la forma canzone con inserti “giocosi”, che però risultano spesso fuori luogo (“Yankee Go Home”); per assurdo, i pezzi migliori sono quelli più “tradizionali”, dove i cinque newyorkesi si “limitano” a cercare di produrre buona musica.

Probabilmente – un giorno forse – la bellezza segreta della loro musica verrà rivelata: per il momento però, rimane un disco ascoltabile – a tratti godibile – e poco altro da dire.

Tracklist
1. Some Loud Thunder
2. Emily Jean Stock
3. Mama, Won’t You Keep
Them Castles In The
Air and Burning?
4. Love Song No. 7
5. Satan Said Dance
6. Upon Encountering The Crippled Elephant
7. Goodbye To Mother And The Cove
8. Arm and Hammer
9. Yankee Go Home
10. Underwater (You And Me)
11. Five Easy Pieces
 
 

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...

beabadoobee – Fake It Flowers

Si fa un gran parlare in questi giorni della giovanissima Beatrice Kristi (cantautrice inglese di origini filippine), nota col curioso nome ...

Matt Berninger – Serpentine ...

Da una voce come quella di Matt Berninger, frontman dei The National, ci lasciamo cullare da tempo ormai. È lì, calda, familiare, somiglia ...

James Blake – Before EP

Continua l’evoluzione di James Blake che l’anno scorso con l’uscita del quarto album “Assume Form” aveva decisamente ammorbidito ...