PATRICK WOLF
The Magic Position

[ Loog - 2007 ]
7.5
 
Genere: folk, chamber pop, folk-pop
Tags:
 
15 Marzo 2007
 

A volte anche il nero può essere luccicante e a suo modo fonte di luce. A questo disco appartengono colori lucidi, brillanti come piccoli segnali luminosi, notturni e silenziosi. Patrick Wolf, dopo essersi cimentato in un esordio elettronico ed un seguito, Wind on the wires, che faceva urlare il vento prima di farlo schiantare sulle scogliere padrone di un mare in tempesta, rimescola un poco le carte e ci regala la sua prova più matura.

Talento puro che sgocciola da ogni singola nota e schizza via alla velocità della luce, in ogni direzione pur senza mai perdere la messa a fuoco di ogni piccolo particolare. Lucido genio e compositore di grande talento che mescola alettronica, pop, orchestrazioni e suggestioni folk. Nelle prime tre tracce vengono fuori echi anni ’80, attraverso artifici elettronici e uso dei sintetizzatori che incalzano un ritmo sostenuto e decisamente pop: la title-track soprattutto, ma anche “Accident & Emergency” sono delle vere e proprie feste da fuochi d’artificio.

Non si dimentica di certo il passato più recente, con il folk in chiaroscuro di “Magpie”, in cui duetta con una spelndda Marianne Faithfull o nell’eleganza decadente di “Augustine”. E nemmeno si fa difficoltà a scavare negli esordi, soprattuto nell’elettronica minimale di “The Stars”dove l’incrocio con gli archi ricorda vagamente certe soluzioni comuni agli islandesi Mum.Ma non è certo questo il nome a cui accostae un’artista originalissimo e quasi unico nel panorama moderno,piuttosto viene fuori il Bowie di “Ziggy Stardust”, Nick Cave negli episodi più cupi o Rufus Wainwright per la ricchezza degli arrangiamenti.

Immaginate un vecchio scaffale di legno, pieno zeppo di oggetti , alcuni fragili e altri intagliati nel legno o scoplpiti in qualche piccola pietra preziosa.Immaginate che la polvere sia stata spazzata via da un vento generoso nel non aver spostato nemmeno uno di quei piccoli gingilli, e che la superficie di ogni singola cosa rifletta il colore del cielo e la luce delle stelle quando si fa sera. Questo disco è esattamente quel dannato scaffale, pieno di roba e allo stesso tempo inattaccabile, indistruttibile. La fragilità è altrove, e le sensazioni prendono le forme più disparate. Disco per sognatori ad occhi aperti, disco per le feste di colori, non necessariamente abbaglianti. Elegante come la pioggia e impietoso come l’aria umida che fa male alle tue ossa. Qui dentro ci muori e poi risorgi alla luce, e sai di poterti perdere ancora una volta.

Tracklist
1. Overture
2. The Magic Position
3. Accident And Emergency
4. Bluebell
5. Bluebells
6. Magpie
7. Kiss
8. Augustine
9. Secret Garden
10. Get Lost
11. Enchanted
12. Stars
13. Finale
14. Bluebells
 
 

a/lpaca – Make It Better

“Make It Better” è l’album d’esordio del gruppo mantovano a/lpaca uscito sia in vinile, che CD, che musicassetta e anche ...

Ben Howard – Collections From ...

Il terzo disco di Ben Howard (“Noonday Dream” uscito nel 2018 qui la recensione) ha fatto conoscere anche in Italia il talento di un ...

Cathal Coughlan – Song Of Co ...

L’etichetta di segreto meglio custodito d’Irlanda e Gran Bretagna è sempre stata stretta a Cathal Coughlan. Fondatore dei Microdisney ...

Big Niente – Big Niente

Big Niente è la creatura di Alessio Rinci che ha sfruttato al meglio l’isolamento domestico del lockdown 2020 per dar vita a questi sette ...

The Antlers – Green To Gold

Dopo sette lunghi anni, da “Familiars” del 2014, il duo di Brooklin – composto da Peter Silberman e Michael Lerner – torna ...