MERCI MISS MONROE
Some Minor Crimes

[ Ghost Records - 2007 ]
7
 
Genere: alternative rock
 
24 Marzo 2007
 

Per certo so solo che uscirò da quella porta il più presto possibile. Uscirò lasciandomi alle spalle i tavoli che ruotano in aria e le persone che sbavano vodka sul pavimento.
Scazzato.
Annoiato.
Infreddato.
Stancato.
Butto un’ultima occhiata dentro, verso il piccolo schermo luminescente, Sempre la solita roba. Sempre i soliti discorsi e la solita gente che inflaziona le menti e le sensazioni altrui. Comandante in Capo di sto gran caz*o e Miss Reality Shit a impastare a dovere quello che una volta era un valido strumento per comunicare e per studiare noi stessi. Io non sono più come mi dipinge uno schermo da un bel po’ di tempo e se state leggendo sta roba forse neanche voi lo siete. Ecco quindi due righe su qualcosa di cui non si occuperà mai l’informazione catodica convenzionale. I Merci Miss Monroe sono italiani, sono al secondo album e viaggiano piuttosto veloce. Il loro è un punk romantico e disilluso, con rimandi sonori importanti quanto evidenti (Television, Nirvana, Sonic Youth, Pixies), ammorbidito da un pop filtrato dal tessuto della Union Jack. Si, qualche influenza brit pop che porta direttamente dalle parti dei Supergrass o da quelle di Graham Coxon come solista.

Niente di complicato: garage pop arpeggiato, garage pop “riffato”, cambi di ritmo, distorsioni e la voglia di non pensare alle cose brutte. Attaccare il jack all’amplificatore, schiacciare il pedale del RAT e vedere un po’ che cosa ne esce. Ottima “Loser Afraid”, ottimissima “The Night Of The Year” dove tutti i discorsi fatti fin’ora si fottono alla grande perché entrano in scena le atmosfere dal retrogusto country folk, pompate, melodiche e di cui non si era fatto un minimo accenno. Trombone, chitarra acustica e un mood “da saloon” piuttosto coinvolgente. E poi esce anche una canzone come “Wow!”, sussurrata, “morbida”, e toccata sugli occhi da un mezzo coretto surf rock, che mischia ancora un po’ le carte in tavola.

C’è anche la ballata “da ricordare” che chiude il disco (“At The Dawn Rendezvous”) con tanto di e-bow, giro di chitarra acustica in accordi minori e uno sguardo agli R.E.M. di qualche tempo fa. Ma le radici rabbiose ed esplosive che ogni tanto fanno capolino (“Polaroid”) non si possono rinnegare. Non puoi rinnegare mai ciò che sei realmente, anche se fingi e (per comodità?) dici che sei cambiato. E questa non è musica. E’ vita. Masterizzato a Miami, da chi ha messo le mani sulla roba dei Low, degli Yo La Tengo e dei Galaxie 500, questo è un disco di tutto rispetto che in Italia non apparirà mai in televisione.
Meglio così.

Tracklist
1. Gang Of Blondes
2. Soap Opera
3. St. Valentine's Day Massacre (Some Like It Hot)
4. Zygotic
5. Morning Star #1
6. Pretty Pretty Dumb
7. Permanent For Awhile
8. Girls In Krakow
9. Loser Afraid
10. The Night Of The Year
11. Wow
12. LL
13. Polaroid
14. At The Dawn Rendezvous
 
 

Tomberlin – I Don’t ...

Dopo quasi quattro anni dal suo ottimo debutto full-length “At Weddings”, Tomberlin ritorna con un nuovo lavoro, pubblicato ancora una ...

Blossoms – Ribbon Around the ...

Quando in redazione mi è stato chiesto di recensire l’ultimo album dei Blossoms, dopo che sempre il povero artigiano dello scrivente ...

Rough Enough – Che La Testa ...

Chi ha paura dei Rough Enough? Ormai giunti alla terza fatica dopo “Get Old and Die” e “Molto Poco Zen” i siciliani Fabiano Gulisano ...

Alessandro Fiori – Mi sono ...

Sei anni dopo “Plancton” torna Alessandro Fiori, e lo fa con un lavoro che si presenta come una serie di brani che sembrano quasi essere ...

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...