…A TOYS ORCHESTRA
Technicolor Dreams

 
Tags:
 
30 marzo 2007
 

[ratings]

In ginocchio su questi cocci scheggiati esamino il potenziale della realtà. Lo specchio e l’acqua che lo ricopre, tutte quelle cazzo di uova rotte che mi tormentano la testa, nel sonno, di notte. La testa. Di notte. Il cavallo nordico continua a uscire come da tradizione dallo stomaco di una ragazza. Rimanete la mia intuizione primitiva. Tu mi succhi via la noia dallo stomaco. Tu mi spazzi via la noia dallo stomaco. L’oscurità continua a filtrare dai buchi dei miei jeans. Ballo da solo dentro la tua ombra. Da solo. Nella tua ombra. Ok, respiriamo un po’ più profondamente. Questi fanno paura. E se quando parte “Invisibile” potresti scioglierti anche se sei seduto sulla punta di un cazzo di iceberg, al momento isterico della rapsodia blues di “Cornice Dance” pensi a Freddie Mercuri e agli Arcade Fire perché è il momento di urlare, spaccare quello specchio con una sedia (e fanculo alle uova di cui sopra e ai sette ipotetici anni di sfiga). Ma si, in culo anche a chi canta cose strane in falsetto di come si potrebbe essere Grace Kelly o altre cose poco infette. Infette dalla malattia acida dell’alternatività. Le cose proposte non sono poi così originali e ci sono continui rimandi ma, sinceramente, è una cosa che alla fine non pesa affatto e a cui non penso più dal 1912, bei tempi quelli, quando avevo ancora tutti i denti e il motorino con la marmitta modificata e andavo al cinema a vedere l’ultimo film di Murnau. Una band campana con la melodia nel sangue, qualche campionatore in frigo e una produzione artistica firmata Dustin O’Halloran (Devici). Un gusto emo sporcato e poi ripulito prima dalle distorsioni muscolari e poi dalle centinaia di ascolti alla musica brit e alla cultura di un cantautorato semplice…affilato. Un accenno di psichedelica, un ricordo veloce per Lennon e un pensiero altrettanto rapido verso Gilmour e poi via verso una canzone acustica (all’inizio) stupenda come “Ease Off The Bit” e spunta anche Bright Eyes, ma solo per qualche istante perché poi è nascosto bene dietro le veloci chitarre art rock (nu nu nu wave, o come volete voi) che spingono e poi ancora spingono. Sulle onde fosforescenti dell’organo hammond e dentro le sottotracc del moog in “Poweder On The Words” mi sento sereno (quel piccolo spunto di pianoforte è una via di mezzo tra “Let It Be” e “Tell All The People” dei Doors). Una ballata precisa. Che è il temrine migliore credo. Punto. Nella pioggia non c’è alcun senso. Nella pioggia non c’è alcun senso. Nella pioggia non c’è alcun senso. Nella pioggia non c’è alcun senso. Nella pioggia non c’è alcun senso. Nella pioggia non c’è alcun senso (un po’ come nei piccioni).

Band Site
MySpace
Technicolor Dreams [ Urtovox - 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Bright Eyes, Pink Floyd, The Beatles, Blonde Redhead
Rating:
1. Invisible
2. Cornice Dance
3. Mrs Macabrette
4. Letter To Myself
5. Ease Off The Bit
6. Powder On The Words
7. Amnesy International
8. Santa Barbara
9. Bug Embrace
10. Danish Cookie Blue Box
11. Technicolor Dream
12. Be 4 I Walk Away
13. Panic Attack #3
Tracklist
 
  • http://pamello.blogspot.com PaMeLlO

    ehi, chi si vede (dove?)! bella recensione, abbastanza allucinata – devo dire (non so se preoccuparmi per te o essere contento ;) ). comunque, condivido in pieno il giudizio sull’album. anch’io, in alcuni passaggi, ho trovato il bright eyes più emo (o comunque rimandi alla scuola saddle creek, in particolare ai two gallants). però – appunto – si diceva con just che quest’album si presta ad essere ricondotto alle influenze più disparate, dai classici del rock fino ai giorni nostri (io – per esempio – l’ho accostato alla scena texana e canadese).

    ps non so i piccioni, però le paperelle – con il loro sguazzare allegramente in laghi e fiumi – un senso ce l’hanno! :D

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com/ Just

    Magari un giorno torni in te Giov. Ma nel frattempo continua a scrivere ste cose che è bene.
    Magari un giorno torni in te e scopri che te non ci se più. E quello è meglio ancora: è il punto esatto in cui capisci che puoi davvero iniziare a essere chi cazzo ti pare.
    Questo fondamentalmente vale pure per i Toys Orchestra. Dentro questo disco ci sono talmente tante cose metabolizzate come si diceva con Pam, che alla fine i Toys Orchestra sono loro e basta. Bravi. Da grande ci riuscirò pure io.

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com joses

    mah…non so se riusciremo ad essere qualcosa come il fu mattia pascal..tanto poi sempre al punto di partenza ci si ritrova..nel frattempo ammiriamo questa splendida metarecensione di giov e godiamone! complimenti… :)

  • giov

    ciao ragazzacci…grazie mille.
    comincio ad avere i conati di vomito ogni volta che entro dentro st’internet point (ma se il destino mi vuole bene presto forse potrò anche farne a meno e ricominciare a scrivere da postazioni più consone….).

    Pamello, the greatest aziendal spammer of all time is sponsored by budweiser!!!

    Just cazzo in bocca al lupo per la tua faccenda…anzi in the mouth of the wolf forse dovrei dire….o in the ass of the halo…oppure…… :D
    ciao!!!!!!!

  • giov

    ah…
    p.s.
    guardate che noi non riusciremo mai ad essere niente, cioè non è pessimismo ma è così solo per un fatto prettamente legato alla frustrazione umana e al nero latente (che hanno anche i più ottimisti altro che cazzi…). Gli altri ci vedono come “qualcosa” o come “qualcuno” ma probabilmente se ognuno di noi si guarda allo specchio in linea di massima il più delle volte forse pensa “in fondo non sono mai stato nessuno/qualcosa di speciale, non sono nessuno/qualcosa e la cosa che rompe più il cazzo è che forse non sarò mai nessuno/qualcosa ma mi piace continuare provare a tirare avanti per vedere come gira la situazione”.
    oddio ho scritto una cosa che sà troppo di Ligabue…mamma mia…si si…è il primo sintomo del declino misà.
    ‘fanculo.

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com sachiel

    Discone questo, niente da dire. Nella pioggia non c’è alcun senso, forse è vero.

  • http://theothersoundz.splinder.com giulio

    io avrei detto soltanto…uno dei migliori album italiani del 2007, so far!

  • http://lasiepe.wordpress.com Livia

    la curiosità per il concerto della prossima settimana (sabato 7, bronson, ra) cresce, cresce!

  • Marianna

    Oddio questa recensione mi ha fatto venire i brividi, quasi come Technicolor dreams…no no dai ho esagerato!comunque è vero, è davvero allucinata, beh gli effetti della musica sono sempre imprevedibili…
    Io sono stata al loro concerto mercoledì a Napoli…energia e magia…energia e magia nell’aria!

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com joses

    sei riuscita a non intossicarti (in ogni senso, sia fisico che psichico) al rising? beata te!! loro si sono arrangiati come potevano, ma l’organizzazione della serata è stata penosa, ridicola e approssimativa…in quanti erano interessati al concerto, dalla pessima acustica tra l’altro? una trentina….non si può allestire un concerto all’interno di una serata qualunque!!!!!!!! tutto deve essere indirizzato solo ed esclusivamente per il live e non per altro….ma quando ti fanno entrare entrare dandoti la drink card tutto appare chiaro…..

  • Marianna

    Si joses hai ragione l’acustica faceva c****e il locale non era adatto,o meglio,come hai detto tu non era stato allestito a dovere,e le persone interessate al concerto erano davvero poche…ma per me è stato comunque bellissimo.Non li avevo mai sentiti dal vivo,credo che in un’altra situazione avrebbero fatto meglio, infatti spero di andarli a vedere anche a salerno,ma quando hai davanti il gruppo le cui canzoni ti hanno dato e di danno tante emozioni…

  • Pingback: Indie For BUNNIES » “TOP TEN ALBUM 2007″ by Joses()

  • Pingback: Indie For BUNNIES » “TOP TEN ALBUM 2007″ by Il Galla()

  • Roby

    Ragà di dove siete?

 

Shura – Nothing’s Real

Shura è Aleksandra Lilah Denton, venticinquenne di Manchester dai capelli bicolor e una vasta collezione…

Paws – No Grace

Tra le novità sull’ondata alternative di questa prima metà di 2016 c’è anche il trio…

Locomotif – Be2

Il mondo ovattato, come dentro una bolla di vetro, il dream pop leggiadro e soffice…

Gemma Ray – The Exodus Suite

“The Exodus Suite” è il settimo album in studio per questa trentaseienne inglese cresciuta a…

Psychic Ills – Inner Journey ...

Al quarto disco, il duo newyorkese Psychic Ills ( la bella Elizabeth Hart e Tres…