MONTA
The Brilliant Masses

 
Tags: ,
 
30 Aprile 2007
 

[ratings]

Non che ce ne fosse bisogno. Non che fosse necessario. Ma urgeva e reclamava. Difficile dargli una spiegazione. Si era oltre la logica, oltre gli Idoli del mercato e del teatro. Cercava flussi e visioni. Mica roba complessa, da dottori o diplomati in conservatorio. No. Era solo questione di poche note in movimento magico tra loro e di un filo di voce per calmare il buio atroce che annerava dentro. Sfamarsi con la nouvelle cuisine è impresa per pochi. Forse per nessuno. Le trattorie sotto casa, invase da odori casalinghi, aglio, cipolle, pancetta che sfrigola, fritture che dorano l’aria, sono il cantuccio caldo dove sprofondare per sentirsi accolti. E per rimpinzarsi a dovere, con tutta la soddisfazione papillare che occorre. Perdersi tra le canzoni di Monta è un po’ come prenotare il solito tavolo, quello che fa angolo, con la tua visuale, la cucina lì in fondo, le scale sulla destra, con quel triangolo di sole che si spande meticoloso. Tobias Khun, ex leader dei Miles, disciolto gruppo power rock teutonico, direttamente da Monaco di Baviera, cucina undici piatti, poco sperimentali e ricercati, ma conditi ed insaporiti dalle sapienti mani di chi sa come cullare ed accarezzare orecchie in disuso. Una chitarra semi-acustica, un basso, una batteria e poco altro. Perché non è che serva molto per essere sazi. L’atmosfera è tutto. In un disco, poi, è l’elemento essenziale. E’ ciò che lo fa salvare o cadere nello strapiombo che urla mentra barcolla sul filo sottile dell’appagamento durevole. Trame vocali che ricordano alcuni suoi gloriosi conterranei come i Notwist, canzoni che scivolano via in soleggiati pomeriggi domenicali come ghiaccioli d’estate, leggerezza e tocchi di classe che affascinano. Niente è più complesso della semplicità. ‘Kiss Goodnight’ e ‘How does it feel’ si fanno coraggio e penetrano come solo il miglior parmigiano reggiano sui maccheroni sa fare. In questo guazzabuglio di odori e sapori non poteva mancare la ciliegina sulla torta: ‘Goodmorning Stranger’ è il pezzo che i Coldplay non scriveranno mai più, una delicata ballata, incalzante, una melodia che uccide. Tutto ‘The brilliant masses’ è attraversato da una grazia e da un’ispirazione genuina che meritano ben altri scenari, ma il buon Tobias pare essere felice così, schivo ai riflettori e ai fatui luccichii se è vero che nel mezzo di ‘Capitulate’ canta: “Exclusion is a privilege, and i’m happy to be privileged”. Applausi per Monta.

Cover Album
Band Site
MySpace
The Brilliant Masses [ Klein – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Ed Harcourt, Damien Rice, The Notwist
Rating:
1. Capitulate
2. Good Morning Stranger
3. There’s A Hole In Your Heart
4. See Me Through Your Eyes
5. Everything
6. All The Luck In The World
7. Lost Patrol
8. Homecoming
9. Kiss Goodnight
10. How Does It Feel
11. The Brilliant Masses
Tracklist
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...