RUFUS WAINWRIGHT
Release The Stars

 
Tags:
 
8 Maggio 2007
 

[ratings]

Certi dischi hanno dei tempi ben precisi, come un bel dipinto esigono la loro giusta cornice e un posto appropriato, la giusta luce e la giusta angolazione perchè certi colori e prospettive vengano fuori. Nonostante anni di ‘disinsegnamento’ televisivo l’occhio và guidato. Non saper guardare può essere grave, il vero problema in realtà è la conseguenza ovvero il non saper imparare. Evolversi sapete quella roba lì.
Non so se questo discorso funziona anche per l’ascolto, ma in massima parte funziona con il nuovo disco di Rufus Wrainwright. Formalmente in ‘Release The Stars’ in effetti c’è nè più nè meno quello che c’era negli album che lo hanno preceduto. Mettiamolo subito il dito nella piaga: Wainwright sulla distanza può diventare abbastanza claustrofobico. Nonostante certe timbriche vocali leggermente barcollanti alla Thom Yorke, forse qui manca proprio quell’elemento di imprevedibilità compositiva che i Radiohead ha reso celebri. Non è per fare un paragone, al contrario è per esporre un modo di fare musica diametralmente opposto. Qualche rischio in più insomma non guasterebbe nella discografia di questo artista statunitense.
Detto ciò l’eleganza è un pregio oggettivo, specialmente nell’uso di orchestrazioni strumentali e cori di sfondo che in alcuni passaggi arrivano ad avere una matrice Gershwiniana. Brilla la capacità di costruire canzoni di stampo pop su strutture maestosamente orchestrali, in questo a Rufus riconosciamo un raro dono. Prendiamo ‘Do i Disappont You’, una melodia semplice ed elegante che nasce da uno scarno intro di chitarra acustica, ritrovata poi nella seconda metà solennemente trasformata che ancora galleggia sicura e precisa sopra maestosi cori da camera e solenni costruzioni sinfoniche. Se vogliamo però tornando a quanto detto prima,un po troppo vicino a quanto fatto a suo tempo con il bolero che si rivelava dal cuore di ‘Oh What a World’, riuscitissimo brano che guardacaso ancora una volta in apertura di ‘Want One’ targato 2003.
Tutto suona abbastanza retrò e un po’ fuori dal tempo un po come certa musica di Antony and the Johnsons con cui infatti Wainwright ha condiviso più di una collaborazione. Sempre minuziosamente patinata la produzione anche quando le atmosfere si fanno più spigliate, ed è qui che certe alchimie si fanno a volte un po’ incerte. Indubbiamente sono le atmosfere più soffuse anche quelle più congeniali a Wainwright: una ballata al piano, fioca e morbida come ‘Leaving for Paris n.2’ non è cosa da tutti, arrangiata con la stessa eleganza con cui l’ultima voluta di fumo di una candela sale lenta mentre la fiamma si spegne in un puntino luminoso.
‘Release the Stars’ potrebbe annoiare, potrebbe non lasciare il segno per la freschezza di certe soluzioni. Ma come si diceva all’inizio certe volte bisogna saper trovare il giusto contesto e angolazione per apprezzare. Disco solo per chi ha tempo e voglia insomma.

Cover Album
Band Site
MySpace
Release The Stars [ Geffen – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Antony And The Johnsons, Aimee Mann, Sondre Lerche
Rating:
1. Do I Disappoint You
2. Going To A Town
3. Tiergarten
4. Nobody’s Off The Hook
5. Between My Legs
6. Rules & Regulations
7. I’m Not Ready To Love
8. Slideshow
9. Tulsa
10. Leaving For Paris No.2
11. Sanssouci
12. Release the Stars
Tracklist
 
 

Alice Boman – Dream On

E’ già da qualche anno che il nome di Alice Boman è sui radar dei principali siti musicali in giro per l’Europa e non solo, ma la ...

Brunori Sas – Cip

Il cantautore calabrese, uno dei più apprezzati del panorama musicale italiano, sembra aver già conquistato tutti, pubblico e critica, con ...

Pinegrove – Marigold

I Pinegrove sono tornati con il loro quarto album – il loro primo per Rough Trade Records – che arriva a distanza di appena un anno ...

A Girl Called Eddy – Been ...

Beh, ma chi lo avrebbe mai detto? Avere fra le mani una nuova uscita a nome A Girl Called Eddy…giuro non ci speravo più. Ma, come ...

Field Music – Making A New ...

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato ...