MODEST MOUSE
We Were Dead Before The Ship Even Sank

 
Tags:
 
16 maggio 2007
 

[ratings]

Scazzo post-esame? La vostra dolce metà non lo è più? La pasta vi viene sempre scotta? Ci vuole tanta pazienza e rimboccarsi le maniche, operazioni che sarebbe il caso di accompagnare con l’ascolto di questo We Were Dead Before The Ship Even Sank. Non che spazzi via tutti i problemi del mondo terracqueo, ma di certo distrae la mente dal resto, e per lungo tempo, perchè un solo ascolto lascia con la bava alla bocca.
La ciurma di capitan Isaac Brock è uno più soddisfacenti e coerenti gruppi dell’ultimo decennio, che un giorno spero saranno un riferimento e usati come metro di paragone come ora lo sono Pavement o Violent Femmes, potendosi fregiare dello status “indie” senza ombra di smentita. Dopo i vertici toccati con “The Moon And Antartica”, il gioiellino della band, era difficile immaginare che potessero anche solo riavvicinarsi a così alti livelli di produzione. Ma aggiungendo all’arco una freccia dal trascorso leggendario come John Marr (The Smiths) l’insperabile è quasi diventato realtà. La clamorosa chitarra arpeggiata da Mr. Marr è infatti la vera regina dell’album, arricchendo di suoni e dinamiche l’ammorbante concept album marinaro. Anche se mai è possibile eludere la voce inconfondibile di Brock che abbinata a tale classe cresce di carisma e infiocchetta perfettamente la godibilissima opera.
All’ascoltatore sono regalate 14 tracce piene di esperimenti, non avvertibili ad un primo ascolto, ma prepotentemente presenti in quelli successivi.
Il gruppo rileva un talento molto più delicato di quello mostrato nelle opere precedenti, passando dal un delirio caotico di stampo tipicamente american all’ordine ovviamente british portato in dote da Marr, con composizioni a tratti molto distanti dalla classica impostazione MM. Sono esplorati ambienti maggiormente pop/folk rispetto al classico impianto più puramente rock, comunque non viene rinnegato il proprio imprinting e Fire It Up è proprio la traccia che lo testimonia con quattrominutietrentasei di melodie puntualmente distinguibili. La lunghezza, che supera l’ora, può spaventare. Ormai ahinoi siamo abituati alle miriadi di opere, che non superano mai i 40 minuti, dei NuoviFenomeniIndie vomitate dalle label, ma “We Were Dead Before The Ship Even Sank” regala un senso di pienezza e soddisfazione ineguagliabili nell’aver questa perla nella nostra musicoteca.
Un’insolita traccia da 8 minuti (“Spitting Venom”) accompagna al molo il viaggiatore che è riuscito a non sprofondare tra gli abissi e flutti dei mari solcati fino a questo punto e dopo i primi minuti di intro esplode per poi rilassarsi come un acqua cheta tarantellante.
La precisione chirurgica con la quale è alternata la forza degli strumenti, gli arrangiamenti curatissimi, i suoni suggestivi e raffinati giustificano i quasi 3 anni di attesa.
Gran prova, uno degli ascolti più convincenti di questa prima metà di 2007.

Cover Album
Band Site
MySpace
We Were Dead Before The Ship Even Sank [ Sony – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: The National, The Shins, Arcade Fire, Smog
Rating:
1. March Into The Sea
2. Dashboard
3. Fire It Up
4. Florida
5. Parting Of The Sensory
6. Missed The Boat
7. We’ve Got Everything
8. Fly Trapped In A Jar
9. Education
10. Little Motel
11. Steam Engenius
12. Spitting Venom
13. People As Places As People
14. Invisible
Tracklist
 
  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com joses

    non so per quale arcano motivo l’ho ascoltato e poi accantonato…però dopo questa ottima recensione me lo vo a ripescare… io vado, allora…

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com sachiel

    Mi piaccionoi con moderazione, ma mi piacciono. Il disco se fosse meno prolisso e avessero asciugato la scaletta di circa tre brani mi sarebbe piaciuto di più, ma lo ascolto con piacere.Missed the boat poi è proprio quel tipo di indiepop che mi fa impazzire.

  • http://pamello.blogspot.com PaMeLlO

    non rispecchiano propriamente i miei gusti musicali, però riconosco la buona fattura del disco ed, in generale, il loro apporto alla musica indie, che è stato – a dispetto del nome – tutt’altro che modesto! comunque, io li associo anche ai wolf parade…

  • http://www.sullivan-street-records.splinder.com/ Just

    Sono vivo ma senza hard disk esterno. Ovvero senza musica quindi visto che il mio è crepato (insieme ad un sacco di altre cose). E ci resterò per minimo altre due settimane.

    Passo le notti ad esaminare i trenini che vanno sulla carta da parati mentre i bebè sfrecciano carponi sul soffitto. Sudore freddo e occhi pallati.
    Mark qui mi ci chiamano già, metteteci Renton di cognome.
    Sono l’ombra di ciò che ero un tempo.

    Tecnicamente sono sotto metadone direi…

  • http://indieriviera.blogspot.com fran_pi_

    Just, tieni botta, siamo tutti con te, se il nostro rappresentante su last.fm !!!!

    Dai dai….

    Diggei, concordo in toto, gli abbiamo anche dato lo stesso voto ; )

  • Marcello

    Spitting venom e missed the boat mi ricordano alcuni fra gli episodi migliori dei sottovalutati deus che furono, anche se qui siamo ad un livello superiore. L’album nel complesso è straordinario e i MM si confermano come uno dei punti di riferimento del pop/rock contemporaneo. Se siete fra quelli che comprano al massimo 4/5 CD in un anno questo deve assolutamente far parte della lista.

  • Pingback: Indie For BUNNIES » “TOP TEN ALBUM 2007″ by Dhinus()

 

blink-182 – California

Mi sono preso un po’ di tempo per pensare, lo confesso. Avevo questa recensione in…

Benjamin Francis Leftwich – ...

Arpeggi di chitarra acustica viaggiano morbidi fin dall’apertura del secondo album di Benjamin Francis Leftwich,…

Black Foxxes – I’m Not ...

Ci si interroga spesso, al di là della Manica, sull’effettiva utilità dell’etichetta rock da applicare…

Moose Blood – Blush

Emo’s not dead. Mi piace l’idea di cominciare a scrivere dei Moose Blood con questa…

Blossoms – Blossoms

Capita in media quattro o cinque volte l’anno, di sentir nominare questa o quella band…