OF MONTREAL
Live @ “Kick It! Festival” Circolo degli Artisti (Roma 16/05/2007)

 
Tags:
31 Maggio 2007
 
Discography: CHERRY PEEL (1997 – Bar/None), THE BIRD WHO CONTINUES TO EAT THE RABBIT’S FLOWER (1997 – Kindercore), THE BEDSID DRAMA: A PETITE TRAGEDY (1998 – Kindercore/Elephan 6), THE GAY PARADE (1999 – Bar/None), COQUELICOT ASLEEP IN THE POPPIES: A VARIETY OF WHIMSICAL VERSE (2001 – Kindercore), ALDHILS ARBORETUM (2002 – Kindercore), SATANIC PANIC IN THE ATTIC (2004 – Polyinyl), THE SUNLANDIC TWINS (2005 – Polyvinyl), VOLTAIC CRUSHER/UNDRUM TO MUTED DA (2006 – Suicide Squeeze), SATANIC TWINS (2006 – Polyvinyl), HISSING FAUNA, ARE YOU THE DESTROYER? (2007 – Polyvinyl)

Of Montreal a Roma grazie al “Kick It! Festival”.
La manifestazione promossa dalla stessa Kick It – Snob Production e dal Circolo degli Artisti, ha portato per due giorni una eterogenea ventata di musica di qualità nella capitale: il 16 maggio sul palco si sono alternati i tedeschi Tarwater, i Lo Fi Fnk e, soprattutto, i grandi Of Montreal, mentre il giorno successivo è stato il turno dei Piano Magic di Glen Johnson e di Telefon Tel Aviv. La sera del 16 maggio arrivo al Circolo con leggero ritardo, perdendomi l’inizio dell’esibizione dei Tarwater, duo da sempre dedito a certa indietronica che mi aveva parecchio affascinato in passato – specie con il primo loro album su Morr del 2005 – ma che negli ultimi tempi mi annoia non poco. Probabilmente loro non c’entrano nulla – dal vivo sono impeccabili nel presentare l’ultimo “Spider Smile”- ma personalmente è proprio il suono della berlinese Morr che non digerisco più, tanto mi pare rigidamente codificato e perciò destinato a divenire “di maniera “troppo in fretta ( pur se continuo ad adorare Lali Puna, Notwist e Isan ).
Fatte queste debite considerazioni decido che il fresco del giardino ed una pinta di Elephant vincono facilmente sui tedeschi ( come ai Mondiali, d’altra parte ).
Rientro nel locale quasi pieno per gustarmi la presunta new sensation chiamata Lo Fi Fnk, ovvero tre giovanissimi svedesi dediti ad un electro-pop molto old skool e piuttosto danzereccio. Look e pose supercool, synth granitici a manetta, bei bassi, laptop, chitarra e batteria fanno muovere la testa della maggior parte dei presenti, stimolati forse più dall’entusiasmo e dalla carica dancey del trio dopo la soporifera esibizione dei Tarwater che dal reale valore del gruppo.
Personalmente, nel genere mi hanno convinto molto di più i To My Boy, adrenalinico duo inglese che ha suonato all’interno della serata “l-ektrica “qualche tempo fa e che licenzierà l’album d’esordio “Messages “a fine giugno via XL Recordings.
Pur se ascoltandoli mi viene istintivamente da pensare che anche in Svezia le braccia rubate all’agricoltura sono numerose, non escludo che i giovani possano avere un buon successo in futuro, specie tra i più giovani, anzi probabilmente solo tra i più giovani.
Altra birra e si arriva al sodo: salgono sul palco gli Of Montreal di Kevin Barnes. Ed è spettacolo vero!
Autori di un pop tutto sommato semplicissimo eppure raramente così intelligente, coloratissimi, retrò, elettronici come dei fricchettoni impasticcati che ballano gli Abba pensando ai Beach Boys, Of Montreal mandano in delirio tutto il pubblico fin dal primo pezzo “Suffer For Fashion “( o era “Sink the Seine “? mah.. ). Barnes si presenta come neo glam da pista da ballo e si muove come un Prince d’annata, il chitarrista indossa delle ali ma ha due basette da far invidia ad un hippy della West Coast e insomma si balla di brutto, si canta a squarciagola quando arriva “Chemicals”, si battono le mani e ci si fomenta a vicenda quando il frontman appare in scena in piedi su di una scala con indosso un lunghissimo abito multicolore per cantare “Gronland Edit”, con quel basso che smuove pure i muri. Date un’occhiata al video per credere.
E dopo l’adrenalina continua a salire con “A Sentence Of Sort…”, e insomma non si smette di cantare e ballare fino alla fine di un concerto che nessuno, credo, avrebbe mai voluto finisse e che, ad ogni modo, è stato uno dei più coinvolgenti a cui abbia partecipato negli ultimi anni. A fine live l’unica cosa che spero e che riesca a vederli di nuovo il prima possibile, magari incrociandoli in qualche festival estivo, dove diventerebbero di diritto i miei personali headliner. Nell’attesa il giorno successivo mi sono consolato con i Telefon Tel Aviv…

“HISSING FAUNA, ARE YOU THE DESTROYER?” review on INDIE FOR BUNNIES

Link:

OF MONTREAL Official Site
OF MONTREAL MySpace
POLYVINYL RECORDS Official Site
KICK IT Promo Agency Official Site

Mp3:
Disconnect The Dots (from the album “Satanic Panic In The Attic”)
Good Morning Mr. Edminton (from the album “Coquelicot Asleep In The Poppies”)
A Question for Emily Foreman (from the album “Aldhils Arboretum”)
So Begins Our Alabee (from the album “The Sunlandic Twins”)
So Dustin Hoffman Thinks About Eating The Soap (from the album “The Early Four Track Recordings “)
Just Recently Lost Something of Importance (from the album “The Bedside Drama: A Petite Tragedy”)
If I Faltered Slightly Twice (from the album “The Bird Who Continues To Eat…”)
Disconnect The Dots (Mixel Pixel Remix) (from the album “Satanic Twins”)
Heimdalsgate Like A Promethean Curse (from the album “Hissing Fauna, Are You The Destroyer?”)
Suffragette City (David Bowie cover)

Video from the NITE:



 

Beatrice Antolini – Live @ ...

Dopo la partecipazione al 70° Festival di Sanremo, come splendida direttrice d’orchestra per Achille Lauro, e poco prima della ripartenza ...

Alice Boman – Live @ Hotel ...

Seconda e ultima serata del nostro weekend danese e oggi ci aspetta il concerto di Alice Boman, che presenta il suo primo LP, “Dream ...

Mikal Cronin + Shannon Lay – ...

Grande attesa per questo tour decisamente interessante che vede come protagonisti Mikal Cronin e Shannon Lay, entrambi collaboratori di Ty ...

Editors – Live @ Alcatraz ...

di Marilù Cattaneo In questo inverno che non è inverno, la sera si sta bene, non hai freddo, nemmeno in coda mentre aspetti di entrare ...

Robyn Hitchcock + Emma Tricca ...

Sono ben cinque le date italiane di Robyn Hitchcock, rocker di lungo corso che ha attraversato gli ultimi trent’anni tra folk e attimi ...