B. FLEISCHMANN
Melancholie/SendestraBe

 
 
9 giugno 2007
 

[ratings]

Nel Febbraio 2006 la rivista tedesca de:bug invitò la label Morr Music ad occuparsi della colonna sonora di una di 4 serate alla Nuova National Gallery di Berlino. L’esposizione da accompagnare era “Melancholie – Genie und Wahnsinn in de Kunst”. La Morr Music pensò subito a Bernard Fleischmann, già con i The Year Of.
Fleischmann compose per l’occasione Melancholie poi registrata live durante la performance al museo, la sera del 27 Aprile 2006. Con i suoi 49 incessanti minuti, la recensione di Melancholie, avrebbe potuto essere una telecronaca compilativa: esercizio di meccanica. Più o meno, mi era passato per la testa di impostarla così:
lunga introduzione di loop gracchianti
a 3 minuti fa la sua comparsata il cello, seguono la drum machines e la presentazione di una sexy hostess krauta
a 10 minuti qualche fingerpicking di contrabbasso
a 14 minuti, il ritmo si fa più sostenuto

In realtà proporre un elenco dei singoli addendi non mi avrebbe aiutato a restituirvi lo spettro della sommatoria finale.
Melancholie (omen nomen) è un lungo dipinto marino di blu profondo, tempera spessa sciolta sulla tela. Le singole forme sonore sono indistinguibili, il flusso contiunuo è perpetuato da affluenti sonori, la visone d’insieme è affascinante.
Venti malinconici d’elettronica cigolante, si stendono sulla tela come un sudario a pelo d’acqua. A rompere una superfice uniforme di suoni ondulati e tenui, lunghe scogliere di fisarmoniche a tratti campionate e distorte. Fleischmann, entra alla National Gallery di Berlino come uno tsunami garbato, dopo pochi minuti, siete già con l’elettronica alla gola.
Anche i 50 minuti di SendestraBe (letteralmente “palinsesto radiofonico”) sono stati registrati dal vivo, il 29 Giugno a Vienna sulla torre OFR, il luogo più alto della citta. Poi il brano è stato ritrasmesso da 01 Kunstradio che precedentemente aveva invitato i sui ascoltatori ad un pic nic sotto la torre.
SendestraBe, sul secondo cd, è elettronica sperimentale, e quindi, paradossalmente, convenzionale per chi è già avvezzo al suono di casa morr music. Un piano sbiadito cerca sprazzi di luce fra malinconiche nubi di vinili gracchianti.
Nel complesso due dischi imperdibili.

Recensione di B. Fleischmann precedentemente pubblicata su Indie Riviera

Cover Album
Band Site
MySpace
Melancholie/SendestraBe [ Morr Music – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Four Tet, The Year Of, Mum
Rating:
Disc: 1
1. Melancholie
Disc: 2
1. Sendestraße
Tracklist
 
 

Maggie Rogers – Heard It in a ...

No, “Heard It in a Past Life” non è il primo album di Maggie Rogers. È, tuttavia, il primo a non essere concepito e registrato in un ...

Gianni Maroccolo – Alone ...

Gianni Maroccolo fa parte di una generazione tra le più intraprendenti, musicalmente, in Italia. La sua biografia parla da sé, dai Litfiba ...

Officine Bukowski – Il primo ...

E’ strano. E’ strano come “Il primo giorno d’inverno” possa portare con sé la freschezza di un temporale ...

The Twilight Sad – It Won/t ...

I The Twilight Sad tornano a quattro anni di distanza da “Nobody Wants To Be Here And Nobody Wants To Leave”, album esaltato dalla ...

Toro Y Moi – Outer Space

Quando si arriva al sesto album è necessario rischiare e avventurarsi in generi non ancora esplorati o è meglio rimanere nell’ormai ...