THE NATIONAL
Boxer

 
Tags:
 
di
11 Giugno 2007
 

Ogni tramonto, ogni maledetto tramonto. E’ sempre la solita lacrima, la solita fitta. Le labbra tirate, i denti digrignati nervosamente, i capelli sfibrati. Ci si aspettava di più da questa fatica quotidiana, molto di più. Ci si aspettava di realizzare i sogni, o perlomeno di disegnare un bel quadro. Invece si è costretti a vivere due passi oltre il presente per scorgere una luce in lontananza, per pensare che le cose potrebbero anche essere diverse. Inizieremo una guerra. O almeno una rivolta.

E’ in questo solco della pelle, scavato sera dopo sera, che si conficca “Boxer”. Un disco che travolge per impatto emotivo, per l’eleganza della voce e degli arrangiamenti, per quello che dice. E’ un disco che scuote. Ti afferra nottetempo per le tempie e ti costringe a volteggiare con inclinazioni nuove.

A due anni da quell’Alligator che, nel 2005, mise in subbuglio l’intera blogosfera, i The National ritornano con un album perfetto. Lo si capisce fin dalla prima traccia, dal tessuto piano-driven di “Fake Empire” dove le corde baritonali di Matt Berninger si appoggiano navigate, ma è perfetto anche quando la stanza si riempie di fumo e le bacchette di Bryan Devendorf si fanno precise e severe, (“Mistaken For Strangers”, “Brainy”). Un dipinto decadente, un bicchiere rovesciato, una tappezzeria livida. Una raffinatezza d’espressione che oggi conta pochi eguali. A dimostrazione, si ascoltino i pezzi più lenti e morbidi (“Green Gloves”, “Start A War”). Immaginatevi gli Interpol acustici ed immersi nell’autunno di Brooklyn, immaginate di aggiungere una dose di cantautorato cupo e languido. Ciò che risulta è lucida rassegnazione, è disincanto, è un ballerino di lento, il migliore dell’universo.

Cercavo un disco per l’estate. Ho trovato il disco dell’anno. Almeno per ora.

Cover Album
Band Site
MySpace
Boxer [ Beggars Banquet – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Nick Cave & The Bad Seeds, Interpol, Tindersticks
Rating:
1. Fake Empire
2. Mistaken For Strangers
3. Brainy
4. Squalor Victoria
5. Green Gloves
6. Slow Show
7. Apartment Story
8. Start A War
9. Guest Room
10. Racing Like A Pro
11. ADA
12. Gospel
Tracklist
 
 

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...

Gulino – Urlo Gigante

“Urlo Gigante” è il titolo scelto da Giovanni Gulino, noto come front-man dei Marta Sui Tubi, per il suo album di debutto e ci ...

Fabrizio Tavernelli – Homo ...

Fabrizio Tavernelli, conosciuto per la sua lunga attività musicale iniziata negli anni ’80 alla guida degli En Manque D’Autre e ...

Fiori di Cadillac – Fuori ...

I Fiori di Cadillac tornano a distanza di sette anni dal primo, e unico, disco. Oggi una distanza tale equivarrebbe a considerare “Fuori ...

Huge Molasses Tank Explodes – ...

Milano blindata, come anche il resto d’Italia, e questo è assodato oramai. Il fatto di non dover uscire non è un effettivo problema per ...