DEVENDRA BANHART
Smokey Rolls Down Thunder Canyon

 
 
10 settembre 2007
 

[ratings]

Questo disco, come il precedente Cripple Crow, non è un disco di Devendra Banhart ma dei Devendra Banhart. Non più una produzione uscita fuori dalle mani di uno strano barbuto omino filiforme ma da una famiglia di personaggi eclettici, nottambuli, casinari e appassionati di musica. Capaci, soprattutto, di buona musica. Un disco corale, di un gruppo molto più rock di molte altre band che nel nome del rock salgono su un palco, continuano a sfasciare imitazioni di stratocaster contro gli amplificatori e sanno suonare solo un paio di accordi. Dentro “Smokey” c’è un pò di tutto, come al solito e farne l’analisi grammaticale sarebbe un peccato che porterebbe via dalle vostre orecchie molte belle sorprese. Sonorità anni settanta imbevute di alcohol e un voce a volte compressa, poi invece eterea, quasi surreale, a unire molte e molte strade che partono dal rock, toccano momenti gospel e si buttano a capofitto nuovamente nel territorio che gli è più consono: il folk. Un folk che parla moltissime lingue (tra cui, stavolta, anche il portoghese) e che spesso diventa poesia. Bastano solo tre accordi, ma stavolta col pianoforte o con una chitarra acustica e quelle ormai note nenie dolcissime, sussurrate in maniera perfetta e tutto vi ritorna familiare. Questo è il vero rock’n’roll. Anche se non lo è.

Cover Album
Band Site
MySpace
Smokey Rolls Down Thunder Canyon [ XL – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: The Doors, Vetiver, Entrance
Rating:
1. Cristobal
2. So Long Old Bean
3. Samba Vexillographica
4. Sea Horse
5. Bad Girl
6. Sea Side
7. Shabop Shalom
8. Tonada Yanomaminista
9. Rosa
10. Saved
11. Lover
12. Carmensita
13. The Other Woman
14. Freely
15. I Remember
16. My Dearest Friend
Tracklist
 
 

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...

The Ar-Kaics – In This Time

Iniziare la recensione di questo disco firmato The Ar-Kaics partendo dalla cover mi sembra una buona idea. In genere non vengono neppure ...

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...