STARS
In Our Bedroom After The War

 
Tags:
 
di Enrico "Sachiel" Amendola
4 ottobre 2007
 

La notte inizia qui. Dimentica il tuo nome. Dimentica la tua paura.

Come una minaccia che incrocia una parola di incoraggiamento. La pop band canadese dal nome più banale dell’universo torna più in forma che mai con un caleidoscopio di soluzioni, talvolta morbide, talvolta affilate. Puoi sognare tra lo space pop sintetico e voluttuoso di “The Night Starts Here”. Sensazioni d’alta quota ma niente capogiri, una classe sopraffina e un’ispirazione che non cede mai il passo al mestiere. Apriti cielo che dobbiamo saltar verso di te, sfidando la gravità. Abbiamo voglia di correre ad occhi chiusi, banalmente ma incessantemente :”Take Me To The Riot”.

L’aria leggera e gli occhi pesanti di primo mattino non sono ancora pronti a cogliere tutta la luce, quindi giusto il tempo di aprire le finestre ed assaporare quello spicchio di giornata che deve ancora destarsi : “My Favourite Book”. Quello che proprio non ci riesce è far andare le cose per il verso giusto, camminando sfiniti nel bel mezzo della nostra settimana. E’ l’amore che ci sfinisce, è l’amore che ci fa correre, assorbiti dalle lucenti melodie e dall’aggraziata voce di ragazza che si racconta, e la voce di lui che ci sorprende di lato. Il nostro problema è la mancanza di dialogo ricordi? Difficoltà nel comunicare, nel guardarsi negli occhi . Voglio planare qui, nel bel mezzo di “Midnight Coward”.

La gente è piena di squallidi pensieri, e il lettore non me ne voglia, ma questa volta non mi va di esere troppo didascalico, ho solo bisogno di trascinare fuori qualche parola, prenderla per i capelli e portarla a forza sotto luce del sole. Questo disco è la compagnia perfetta per tutto questo, perchè preferisce non ferirmi, piuttosto mi avvolge e a momenti mi desta dalla melanconia latente. Fino a quelle romantiche orchestrazioni finali, che allungano splendidamente la conclusiva title-track oltre i sei minuti, ma tu ne vorresti ancora. Quasi quasi premi repeat. E trovi le parole giuste per tutto.

The Five Ghosts
[ Arts & Crafts – 2010 ]
Similar Artist: Arcade Fire, Rilo Kiley, Band Of Horses
Rating:
1. The Beginning After The End
2. The Night Starts Here
3. Take Me To The Riot
4. My Favourite Book
5. Midnight Coward
6. The Ghost Of Genova Heights
7. Personal
8. Barricade
9. Window Bird
10. Bitches in Tokyo
11. Life2: The Unhappy Ending
12. Today Will Be Better, I Swear
13. In Our Bedroom A
Tracklist
 
 

Function & Vatican Shadow ...

Certe città sono dei contenitori troppo grandi, mastodontici aggregati di parallelepipedi in cui perdersi. In…

Loscil – Sea Island

Scott Morgan e la Kranky, la Kranky e Scott Morgan. Il canadese, l’etichetta di Chicago…

Mark Lanegan Band – Phantom ...

Che Mark Lanegan sia un genio è cosa assodata, nomi come Screaming Trees e Queens…

Caribou – Our Love

Tornare a parlare di una delle personalità più multiformi e incisive della musica elettronica degli…

Thurston Moore – The Best Day

Sin già dai primi secondi del quarto disco solista di Thurston Moore, gli armonici che…