ADAM FRANKLIN
Bolts Of Melody

 
 
13 Ottobre 2007
 

[ratings]

Avete presente quando una ragazza (se siete femminucce un ragazzo) vi fa un discorso in cui all’inizio decanta le vostre doti, e vi dice che siete una persona speciale, carina, simpatica e che siete proprio la persona giusta magari, ma….Ecco, vi piazza un “ma” grande come l’oceano e pesante come un branco di elefanti giganti, e tutto quello che di buono era stato da voi percepito si scioglie come un ghiacciolo messo a soffriggere in una padella. Ecco, lo so che non ci sono motivi plausibili per prendere un ghiacciolo e soffriggerlo in padella, ma la sensazione è esattamente quella. Vi sentite d’improvviso inutili e affascinanti come un topo morto da due giorni a bordo strada,e vorreste sublimare in un istante. Questo per dirvi che le premesse sono inutili a volte, e so anche che fino ad ora questa recensione è stata solo una lunga premessa. Per cui tacciatemi pure di incoerenza, ma volevo rendere l’idea di un disco in cui proprio tutto quello che vi aspettavate dopo aver letto le note biografiche e la cartella stampa, al primo ascolto si volatilizza e lascia soltanto una leggera puzza stantia attorno a voi. Ladies and gentleman ecco a voi Adam Franklin, chitarra e penna degli Swerdriver, band inglese degli anni ’90, nonché intestatario col batterista degli Interpol Sam Fogarino (addirittura????) del progetto “The setting Suns”. Bene, sembravano esserci le premesse per un disco almeno interessante, ed invece devo arrivare alla traccia numero sette per ascoltare qualcosa di decente o che non mi irriti all’inverosimile. Niente contro le band e gli artisti derivativi in genere, ma qui si sfiora il plagio: sembra di ascoltare Elliott Smith, senza la sua voce e la sua ispirazione,ma tutto, dai suoni , al modo di cantare fino alla struttura delle canzoni ne rappresenta una brutta copia. Come delle mere cover prive di cuore e sostanza. Quando la cifra stilistica si discosta dal ragazzo di Portland, appunto alla traccia numero sette arriva un brano acustico molto godibile, però poi giri l’angolo e riprende tristemente la sequenza ai limiti del plagio che alla fine lascia non solo con l’amaro in bocca, ma anche abbastanza irritati. E certo non bastano un paio di pezzi buoni sul finir della scaletta risollevare le sorti di un disco di cui davvero nessuno potrebbe mai sentire il bisogno. Il problema della discografia odierna è che escono un sacco di album, e molti, tra cui questo, servono solo a fare numero. In pratica non servono. Caro Franklin, avrai pure le tue credenziali ma…

Band Site
MySpace
Bolts Of Melody [ Hi Speed Soul – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Elliott Smith, Swervedriver
Rating:
1. Seize The Day
2. Sundown
3. Morning Rain
4. Song Of Solomon
5. Theme From LSD
6. Shining Somewhere
7. Birdsong (Moonshiner version)
8. Canvey Island Baby
9. Syd’s Eyes
10. Walking In Heaven’s Foothills
11. Birdsong
12. Rain Return
13. Ramonesland
14. Silver Freight Train (Australia Only)
Tracklist
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...