CHRIS BATHGATE
A Cork Tale Wake

 
 
20 Ottobre 2007
 

[ratings]

Li avevano visti leccare i binari dei treni di sera: dicono che sia più eccitante del farsi un piercing nell’ombelico. Alcuni andavano in giro con vestiti realizzati cucendo assieme le buste dei surgelati, altri portavano al guinzaglio grosse rane verdognole. Magari non sarà male ripararsi da gocce di cioccolata quando s’annuvolerà, cammineremo scalzi in silenzi irreali, perché avremo la testa immersa in enormi palle di vetro, ci muoveremo con skilift metropolitani, le automobili correranno a 200 metri da terra, pagheremo con le foglie e mangiare scarafaggi bolliti sarà solo per chi è chic. Ma poi torneremo a casa, sottoterra, in caverne accessoriate e nel preciso istante in cui sentiremo chiudersi la porta alle nostre spalle, ci sentiremo soli. Esattamente come adesso. Non differentemente da mille anni fa. Ma ci saranno ancora dischi come questo in cui sprofondare totalmente. Trincerarsi in un paio di palpebre socchiuse, salita verticale verso l’arrendevolezza delle carni, vertigini ad altezze stratosferiche, cuori sdilinguiti in pochi accordi di chitarra ed una voce calda come il té delle cinque. Inizio da brivido, ‘Serpentine’ e ‘The Last Parade on Ann St.’ sono lo scatto bruciante di Asafa Powell in quel pomeriggio di Rieti, tracimante prepotenza avvolta di grazia e classe cristallina, un’invocazione ed un’implorazione a gettare all’aria convinzioni e stupori ricercati e troppo spesso costruiti per mancanza di quel ‘vero’ che muore tra le lodi spiegazzate del ruffiano di turno. Voce rugosa, impastata di cognac e miele, colorata di grigio, come gli occhi del lupo nella steppa, come il fumo di infinite sigarette che a spirale annebbiano la stanza. Ami l’acustico (‘Cold Fusion’ e più di un cuore vacilla), bevi raffinato, solo whiskey irlandese gran riserva, ma tutto ti brucia e acceleri ubriaco di birra doppio malto (‘Smiles Like A Fist’ e la strepitosa ‘Restless’) e mi confondi tra wurlitzer e linee di tromba che colorano la notte come lampeggianti. Mi lasci così, schiantato mentre vomito sul ciglio della strada. Poi vedo gli spiriti di Antony(and the Johnsons) cresciuto ad hamburger e patatine, che danzano con Tom Brosseau ed i Mountain Goats, ma è solo un incubo o un maledetto sogno sudato in notti troppo piccole per portare quiete e sapori di pop-corn. Non so come se la passino nel Michigan, ma so che da oggi c’è un motivo in più per interrogare l’atlante. Il futuro non ci deve far paura: è qui, dentro di noi, dentro questo disco.
Il ‘classico’ troneggia granitico e resisterà più di te, di me, del mondo.

Band Site
MySpace
A Cork Tale Wake [ Quiet Scientific / One Little Indian – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Tom Brosseau, Jeff Tweedy, Mountain Goats, Midlake
Rating:
1. Serpentine
2. The Last Parade On Ann St.
3. Every Wall You Own
4. Smiles Like A Fist
5. Madison House
6. Cold Fusion (Snakes)
7. A Flash Of Light Followed By
8. Restless
9. Last Wine Of Winter
10. Do What’s Easy
11. Coda (Ann St. Pt. 2)
Tracklist
 
 

FUR – Facing Home Mixtape EP

I FUR ci fanno perdere la trebisonda e ci mandano metodicamente in brodo di giuggiole, con la loro indole rétro che, ovviamente, si ...

Love Fame Tragedy – Wherever ...

Quest’anno alcuni ex leader di indie rock band made in UK hanno pubblicato i loro primi lavori da solisti. Si parla, ad esempio, di ...

Julianna Barwick – Healing Is ...

L’artista statunitense Julianna Barwick, di stanza a Brooklyn dopo i primi anni trascorsi tra Louisiana, dove è nata, e Missouri, con ...

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...