DEVASTATIONS
Yes U

 
 
1 Novembre 2007
 

[ratings]

Sempre più lussuriosi e affamati, tanto quanto sconsolati e introspettivi. In una parola: passionali. I Devastations fanno un bel passo in avanti rispetto ai già ottimi precedenti album (l’omonimo del 2003 e Coal uscito da noi nel 2006), affrancandosi in parte dall’etichetta di figliocci di Cave e dei Tindersticks, pur rimanendo sempre in quell’ambito noir. Ciò lo si può già intuire dal voluttuoso soul cimiteriale di Black Ice e dalla invocazione lamentosa/amorosa di Oh Me Oh My che scivola su tappeti musicali impalpabili, al di sopra dei quali vengono lasciate svolazzare corde sbrindellate, mentre sono bagnati da stille versate da tasti di ghiaccio. Il grido rauco e distorto di Rosa desta le emozioni più selvagge (e dolorose), una ballata disperata e feroce che è tutto un epico climax ascendente. Niente paura, Yes, U non vi abbaglierà più con colori così accesi ma vi illuminerà dal di dentro, basta sedersi comodamente per lasciarsi sopraffare dall’elettronica subacquea di Pest, dai giri delle tastiere moribonde di As Sparks Fly Upwards, dalla “gangsteristica” Mistakes, dagli arpeggi eleganti e umbratili di The Face Of Love, dal basso sinuoso e informe di An Avalanche Of Stars che serpeggia attraverso scenografie sonore scarne e opache. The Saddest Sound ci riporta al noir-rock più “classico”, grazie alla “recitazione” commovente di Standish e a quegli arpeggi pregni di sensualità scura che vanno a sposarsi verso metà canzone con tastiere ricoperte di brina che si levano leggiadre.
Misericordia, strumentale paradisiaca e infernale, chiude l’album, tra stranianti distorsioni oniriche che disturbano un pianoforte marcio il quale parte inquietante, poi si fa grottesco e infine prende un’andatura dolcemente sognante. Yes, U è buono per lo spirito e per la carne, per la maledetta solitudine invernale e per scaldarsi in compagnia.

Band Site
MySpace
Yes U [ Beggars Banquet– 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Nick Cave, Tindersticks, Low, Bark Psychosis, Black Heart Procession
Rating:
1. Black Ice
2. Oh Me
3. Oh My, Rosa
4. Pest
5. As Sparks Fly Upwards
6. Mistakes
7. Face Of Love
8. An Avalanche Of Stars
9. Saddest Sound
10. Misericordia
Tracklist
 
 

Squid – Bright Green Field

Come sono stati bravi gli Squid a creare un’aspettativa con l’attesa. Perché della band di Brigthon se ne parla un gran bene ...

Dinosaur Jr – Sweep it into ...

Con un un pò più di tempo del solito rispetto alle precedenti uscite, da quando insomma il trio si è riformato nella formazione iniziale, ...

You, Nothing. – ...

Le veloci chitarre degli You, Nothing., i loro bassi profondi, le loro ritmiche accattivanti, i testi che hanno il sapore della ruvida e ...

Teenage Fanclub – Endless ...

Al 31esimo anno di carriera nuovo album per la mitica band di Glasgow, il primo senza il bassista Gerard Love, 5 anni dopo ...

The Coral – Coral Island

A oltre tre anni di distanza da “Move Through The Dawn” The Coral ritornano con questo loro decimo LP da studio, realizzato da Run On ...