M.I.A.
Kala

[ XL - 2007 ]
7.5
 
Genere: electro-pop
Tags:
 
6 Novembre 2007
 

Non sottovalutate Maya.
Non commettete l’errore di infilarla nella classe delle ‘mocciose myspace’.
Lily Allen, Lady Sovereign, e l’ultima arrivata Kate Nash, bruttine e troppo poco patinate per costituire una valida alternativa alla Rhianna di turno, furbette e ironiche quanto basta per strappare più di un sorriso compiaciuto alla folta categoria di snob ascoltatori indie/alternative.
Con tutto il rispetto per queste fanciulle, Maya è ben altra cosa.
Non fosse bastato il sorprendente debutto “Arular” a porre l’accento sulle doti della ormai trentenne anglo-cingalese, arriva ora il momento di “Kala”, disco al quale il semplice appellativo di “lavoro della definitiva maturazione“ sembra stare fin troppo stretto.
Ma andiamo con ordine, gli argomenti con cui Maya Arulpragasam in arte M.I.A sbaraglia le ben più pubblicizzate coetanee sono numerosi e validi.
Prima di tutto ci sono i testi.

Forti, diretti, genuinamente ‘politically-scorrect’, autentiche sferzate sulla schiena di uno star-system musicale ancora pateticamente legato a stucchevoli proclami ‘peace & love’ o peggio stancamente intento a recitare la solita solfa ‘anti-bush’.
Quello che urla in faccia M.I.A. è la dura e cruda realtà dei nostri tempi, servita senza filtri o fiacchi slanci buonisti.
Ora un rap, ora una cantilena, ora divagazioni da vocalist tamarra del più tamarro dei party electro-rock, per nostra fortuna la lingua è lingua e non esistono freni che possano fermarla.
Qui si tira in ballo il Ruanda, il Darfur, i genocidi, l’ OLP, colpi di pistola si sovrappongono a quelli di registratori di cassa intenti ad incassare dollari, altro che “you were fucking that girl next door” o “i see you cry, yeah it makes me smile….”.
E poi c’è la musica, materia con la quale anche il più preparato dei parolieri prima o poi deve fare i conti. La nostra anche qui non si tira indietro, abbatte senza colpo ferire il clichè di quel cantautorato impegnato che vuole suoni e ritmi relegati a semplici ruoli di accompagnamento per idee e proclami.

Temi socio-politici trattati con naturalezza e dissacrante ironia abbinati ad un impasto sonoro comunque curato e ricco di spunti, ecco l’amaro boccone rifilato anche a coloro i quali si ostinano a farci credere che club e piste sono ritrovo di sole “lucignole” zucche vuote.
Rimane di fondo l’aria da “Bollywood Dance Party” che si respirava nel precedente “Arular” anche se in più di un occasione si spinge forte sull’acceleratore delle percussioni elemento che in parte alza il tono degli inevitabili sapori etno-world.
Un esperto pool di produttori (Diplo e $witch) fa comunque il suo gran bel lavoro, rendendo questa nuova fatica, prodotto musicale ben più eterogeneo del suo pur ottimo predecessore.
“Jimmy” è autentica disco-music volutamente retrò, atmosfere da street-rap si affacciano in “Mango Pickle Down River” , anche il lontano pianeta rock finisce da queste parti per essere citato/campionato (Clash, New Order, Pixies).

Come se tutto questo non bastasse la conclusiva “Come Back Around” è uno sfacciato gioco al travestimento realizzato con la consulenza dell’onnipresente Timbaland.
Il produttore più richiesto e per quanto mi riguarda inspiegabilmente apprezzato, fa in realtà poca cosa, realizzando un contributo, ‘rap truzzone’ compreso, che ben poco si discosta dalle scialbe rese in dono ai divi commerciali del momento.
A rendere questa traccia, brano degno di nota ci pensa come al solito la nostra M.I.A., con una prestazione provocatoriamente mirata a scimmiottare il pop-idol di turno e che finisce per offrire lo spunto per un’altra gustosa considerazione : questa ragazza ha talento da vendere, gli riesce qualsiasi cosa anche sbranarsi a colazione Nelly Furtado.

Da più parti leggo che questo album, per quanto promosso a pieni voti, non esprime ancora in pieno l’immenso potenziale della sua autrice. Punti di vista, vediamo cosa riserverà il futuro, ma di una cosa possiamo essere certi fin da ora, mentre le “ragazzine” di sua maestà saranno sempre impegnate a raccontarci, con alterne vicissitudini, scialbe storie tardo-adolescenziali, Maya non smetterà di farci agitare il fondoschiena con un pensiero sempre rivolto ad un pianeta che si ostina a non girare nel verso giusto.

Tracklist
1. Bamboo Banga
2. BirdFlu
3. Boyz
4. Jimmy
5. Hussel
6. Mango Pickle Down River
7. 20 Dollar
8. World Town
9. The Turn
10. XR2
11. Paper Planes
12. Come Around
 

9 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

‘mazza non che sia esattamente il mio genere ma il primo disco di M.I.A. era una figata…questo si prende 4 bolli sulla recensione e sulla fiducia.

Decisamente un discone: troppo cool (ultimamente sto abusando del termine cool, preoccupante!).

Ora vorrei farvi notare che si sono riunite le spice girls: tutte e 5. Siamo in pieno revivial dei 90s.

purtroppo biglietti già esauriti x le spice, caro Soft…ripiegheremo su eros ramazzotti che mi pare abbia anche fatto un succoso duetto con un ricky martin: roba da gourmet…

bel pezzo axel,molto ficcante, bravo.

non è affatto il mio genere, diaciamo che musica così non la ascolto e non la ascolterei, pero’ mi fido.

Ma quanto spacca ” Boyz “??

Bello, bello. Anzi.
Ma che gli vuoi dì a Arular? Chi se la scorda Bucky Done Gun?

[…] Sembra che Boyz di M.I.A. sia diventato un tormentone (io ne ho letto la prima volta – dell’album, non della singola canzone – qui)… e tanti si divertono a farne dei remix. Quindi per “l’angolo del tamarro”, vi posto il video originale ed anche un po’ di versioni “pimpate” trovate in giro per la rete. […]

Indie For BUNNIES » “TOP TEN ALBUM 2007″ by Mr.Soft

[…] “KALA” review on INDIE FOR BUNNIES […]

Indie For BUNNIES » “TOP TEN ALBUM 2007″ by Axelmoloko

[…] “KALA” review on INDIE FOR BUNNIES […]

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments