MAGIK MARKERS
Boss

 
 
di
7 Novembre 2007
 

[ratings]

Tra registrazioni a cazzo prese in giro per concerti in ogni dove, video, uscite più o meno limitate in 12” e cose così, è quasi ridicolo parlare di primo disco di Magik Markers, specie nell’epoca del tutto reperibile ovunque in rete a costo zero. Sta di fatto che per la prima uscita “ufficiale” su Ecstatic Peace il gruppo di Brooklyn ufficializza la sua attuale line-up composta Da Elisa Ambrogio alla chitarra e Pete Nolan alla batteria (quest’ultimo una sorta di prezzemolo del giro avant/noise del nordest degli Stati Uniti, tipo un Chris Corsano in piccolo e solo un poco meno bravo). Il distacco dalla bassista Leah Quimby (l’elemento più educato del gruppo nei concerti della prima fase) non ha tuttavia portato ad una definitiva canonizzazione del suono sgangherato di Magik Markers; con gli occhi di mezzo mondo puntati e la sponsorizzazione di qualsiasi illustre abbia mai messo becco in queste cose (Thurston Moore in primis, ovviamente, che probabilmente non venderà mai più così tante copie di un disco della sua etichetta), Magik Markers inventa zitto zitto una propria via al pop fatta di chitarre più o meno random che lanciano feedback (non così) fastidiosi su un tappeto ritmico che -non fosse così ben suonato- sembrerebbe uscire pari pari da un disco minore Rough Trade primi ’80 e delle parti vocali che stanno da qualche parte tra Karen O, Young Marble Giants e Young People. Considerando il solo valore assoluto della proposa si tratta di un segnale importante, quasi capitale, di una nuova sensibilità o insensibilità della musica popolare contemporanea, che prende formati più o meno a caso in giro per il postpunk e li risputa fuori in una lingua che qualsiasi fanatico di musica indipendente possa comprendere ed apprezzare, tipo il disco ADSL-pop* del mese o dell’anno e senza colpo ferire uno sleeper garantito nelle playlist di fine dicembre. Il problema se mai è un altro: chi ha visto Magik Markers in uno qualsiasi dei numerosi concerti che la band ha fatto in giro per il mondo a seguito dell’ingigantirsi della sua fama di next big thing non potrà sentirsi altro che fregato da cima a fondo in mezzo ad una pletora di canzoncine che non risaltano e non graffiano nemmeno per un minuto e continuare a chiedersi dove sia finita di preciso quella chitarrista che rompeva le corde del suo strumento al primo pezzo e si metteva a fare a cazzotti con le prime file mentre l’amplificatore rendeva impossibile respirare l’aria del locale a forza di feedback. Ognuno avrà i suoi Magik Markers, supponiamo: i nostri a questo punto se ne sono spariti da un pezzo e chissà quando potremo rivedere un gruppo del genere in giro per i festival.

*ADSL-pop è quello che viene erroneamente e ormai comunemente identificato come indie-rock, più o meno.

Cover Album
Magik Markers on Ecstatic Peace
MySpace
Boss [ Ecstatic Peace– 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: The Sunburned Hand Of The Man, Six Organs of Admittance, Awesome Color
Rating:
1. Axis Mundi
2. Body Rot
3. Last of the Lemach Line
4. Empty Bottles
5. Taste
6. Four/The Ballad Of
Harry Angstrom
7. Pat Garrett
8. Bad Dream/Hartford’s
Beat Suite
9. Circle
Tracklist
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...