BABYSHAMBLES
Shotter’s Nation

 
 
8 Novembre 2007
 

[ratings]

I BABYSHAMBLES suoneranno al FREQUENCY FESTIVAL 2008

Buttare giù quattro righe sull’ultimo disco sfornato dai Babyshambles non è affatto cosa facile, almeno per un paio di motivi. Primo: a me Pete e i suoi gruppi, prima i Libertines e poi quello di oggi, sono sempre piaciuti. Secondo: è costantemente in agguato lì dietro l’angolo il rischio di ritrovarsi a parlare solo di Mr. Doherty, “enfant terribile” e mascotte bistrattata dell’Inghilterra blairiana. Fiumi di inchiostro, quintali di pellicola fotografica e miriadi di servizi televisivi si sono sprecati per disquisire di volta in volta delle sostanze che circolano nelle vene di Pete (o in quelle del suo gatto), delle top model che gravitano attorno alla sua camera da letto, delle sue gite tra cliniche di disintossicazione e patrie galere britanniche.

Con “Shotter’s Nation” però i Babyshambles riescono a mostrare al mondo di essere qualcosa in più di un gruppo da tabloid e paparazzi; e in questo disco, a differenza di quanto nel precedente “Down In Albion”, i quattro suonano sul serio come una band e non come un giocattolo nelle mani di Doherty. Al produttore Stephen Street (Smiths e Blur nel suo curriculum dovrebbero bastarvi come referenze) va il merito di essere riuscito a fare quello di cui non era stato capace l’ex-Clash Mick Jones dietro la consolle su “Down In Albion”: imbrigliare l’impeto creativo del gruppo e plasmare il tutto in forma di un disco.

“Shotter’s Nation” infila dodici pezzi che sono la summa di quanto il rock albionico abbia espresso negli ultimi trent’anni: rock nudo e crudo, chitarre e sudore, e zero orpelli electro-indie che fanno tanto cool nel nome del nu-rave e della contaminazione. I Babyshambles riescono meglio proprio sui pezzi lasciati più sporchi, quando imbracciano i loro strumenti e danno una lezione su quella che è l’anima del rock made in UK. Rock svezzato in un garage nei sobborghi di Londra o tra i sottobicchieri e le pinte di un pub fumoso, e non attorno alla scrivania lucida di un manager in giacca e cravatta di una qualsiasi casa discografica.

Si parte con il riff sbilenco di “Carry Up The Morning” che fa molto Libertines, tanto per non dimenticare quello che è stato. E poi si continua citando tutto quello che c’era da citare: i Kinks dell’azzeccatissimo singolo “Delivery” ed i Jam, il blues malato di “There She Goes” ed i Clash, e poi ancora gli Smiths, gli Stone Roses e gli Who, passando per i Pulp ed i fratelli Gallagher. Il tutto condito dai testi di Doherty, che di certo è uno che di materiale su cui scrivere ne avrà in abbondanza.

Insomma, gli ingredienti ci sono tutti e sono anche mescolati per bene e cotti al punto giusto; forse qualche spezia in più avrebbe reso il tutto ancora più gustoso, perchè se proprio un limite si deve trovare, allora si può dire che in “Shotter’s Nation” i Babyshambles vanno sul sicuro, senza mai osare più del minimo necessario. Ma al giorno d’oggi Doherty e soci sono tra i pochi a riuscire nel coniugare l’estetica e la filosofia del rock con la buona musica. E scusate se è poco.

Cover Album
Band Site
MySpace
Shotter’s Nation [ Parlophone/EMI – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Kinks, Clash, Mando Diao
Rating:
1. Carry On Up the Morning
2. Delivery
3. You Talk
4. Unbilotilted
5. Side Of The Road
6. Crumb Begging Baghead
7. Unstookie Titled
8. French Dog Blues
9. There She Goes
10. Baddie’s Boogie
11. Deft Left Hand
12. Lost Art Of Murder
Tracklist
 

10 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

ammazza, 4 stelle e mezzo equivale ad un quasi capolavoro!

Toccherà sentirlo…

Alla lunga mi sa che mezza stella se ne va.

preferisco comunque i libertines.

mi associo.
bel pezzo però
saluti mr soft 😉

Io preferisco i Babyshambles invece, musicalmente sono estremamente più open minded dei Libertines (che restano comunque un altro dei miei gruppi preferiti).
E qualsiasi cosa se ne dica, secondo me anche Down In Albion era un bel cd (fatto salvo qualche skip necessario qua e là).

ne è passato di tempo e io dico che down in albion è molto meglio…..era scombussolatto e tutto cio che volete dire ma aveva un anima….shotters nation è insipido….

A mio avviso una band sopravvalutata..
Tranne qualche ottimo spunto nei loro album, i Babyshambles e soprattutto Doherty sono, ed è, una sorta di “Max Tortora” che cercano di imitare e scimmiottare (fedelmente) la musica, l’estetica e le abitudini delle icone british degli anni 60/70.
E più bravo a fare il fighettino british e far parlare di sè per le stronzate che combina, che per la sua musica.
Lui passerà alla “storia” come il ragazzo di quella viziata pelle e ossa di Kate Moss mentre loro passeranno ai più come la band del ragazzo della Moss.
Giudizio finale: sopravvalutati.

Per me Pete Doherty è come Antonio Cassano…ovvero un’artista troppo sopravvalutato!Forse il più sopravvalutato negli ultimi dieci anni di rock britannico.
Mediocre!
Ma alla fine chi è Pete Doherty?

[…] – Dopo aver letto questo post di Mr. Soft, ho deciso che darò l’ennesima chance ai Babyshambles (qui il video di Delivery)per conquistare il mio cuore. Voi ci credete? Share and Enjoy: These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages. […]

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments