AMARI
Scimmie D’Amore

 
 
12 Novembre 2007
 

“Scimmie D’Amore” è il quinto album ufficiale per gli Amari, ma si potrebbe dire che solo in questo i friulani si sono trovati nella situazione nota a molti gruppi come il difficile secondo album. Il precedente “Grand Master Mogol” – con i suoi slogan e i suoi inni entrati nel cuore di molti indieboys – è stato in pratica il vero debutto nella scena, quello capace di creare delle aspettative, così questo nuovo lavoro è quello a rischio di causare delusioni.
Dall’unico inedito pubblicato nel frattempo (”Suffer With Style”, presente nella compilation Riotmaker dello scorso dicembre) era lecito attendersi un tentativo di proteggersi virando verso sonorità electro, un ritorno all’inglese, un cosciente rifiuto di concedere un secondo tempo.
E’ quasi una sorpresa, allora, il fatto che gli Amari scelgano, con parecchio coraggio, di giocare ancora sullo stesso campo dell’album precedente. Alzano le distorsioni sui synth di Marcopiano e i riff di basso del Cero diventano sempre più parte integrante delle canzoni, ma è ancora di pop sbagliato – come amano definirlo loro – che si parla. Meno hip-hop, ancora più ritornelli da cantare in coro, singalongs pronti anche per le (pessime) radio nazionali, se qualcuno con i soldi che servono li spingerà fino a lì.

L’operazione è rischiosissima: il confronto con i brani del 2005 è diretto e inevitabile. C’è una nuova “Bolognina Revolution”? Una canzone capace di fare alzare le mani quanto “Conoscere gente sul treno”? Verrebbe da rispondere di no, ma bastano un paio di ascolti per capire il piccolo trucco con cui gli Amari riescono ad aggirare l’ostacolo e a confezionare un disco che, se è presto per definire superiore, sicuramente se la gioca ad armi pari con il suo predecessore.
Tanto era gioiosamente e malinconicamente adolescenziale “Grand Master Mogol”, così è tristemente e ottimisticamente maturo “Scimmie D’Amore”. Non è più tempo di progettare rivoluzioni sui divani degli appartamenti da fuorisede, ora c’è da capire che fare senza più camicie stirate, con rimpianti di amici persi nella nebbia, e poi, perché ti devi far odiare?
36 minuti netti, le uniche tracce di riempitivo relegate a una piccola intro e a una breve strumentale in coda. Il resto sono 9 brani che si candidano tutti come singoli, e se i punti chiave per la vittoria sono nel tiro dei ballabilissimi “Le Gite Fuori Porta”, “Manager Nella Nebbia ” e “Fiamme In Un Bicchiere”, raccoglieranno preferenze anche il quasifunk di “Ice Albergo”, così come i ritmi più raccolti di “30 Anni Che Non Ci Vediamo” e “Parole Vere In Un Mondo Vero”.

Racchiuse in una produzione sempre di altissima qualità, appoggiate su melodie pop calibrate e gommosi ritmi electrodance, ci sono molte parole vere, di quelle che costa fatica e intelligenza scrivere, di quelle che non nascondono nulla e disvelano molto.
Non giocano mai per metafore gli Amari, rifuggono l’intellettualismo come il cantautorialismo. I testi sono piani, pochissime le rime, se parlano di scimmie è per evocare veramente immagini di simpatici primati che saltano sui rami, e solo in seconda battuta per farci identificare mentre comici e sbadati camminiamo in equilibrio sul filo dell’amore e della vita. Potete leggerli come la lettera che non avete mai saputo scrivere a chi volete bene. Potete leggerli come un racconto, tenendo in mano il libretto e la musica spenta. Ho preso il cuore e l’ho nascosto sotto un mucchio di foglie, a volte canta da laggiù, sussurra forte come pagine di un libro, sfogliate.

Poche frasi di queste canzoni finiranno sui diari dei liceali e sui myspace delle teenager, molte di sicuro sui nostri blog e nelle nostre conversazioni. Molti di questi ritornelli ci terranno compagnia quando li canteremo da soli e quando, se vorremo fare un regalo, li condivideremo con qualcuno.

  • MySpace
  • BUY HERE
Scimmie D’Amore
[ Riotmaker – 2007 ]
Similar Artist: Carpacho, Ex-Otago, Perturbazione
Rating:
1. La Squadra E’ Dura Al Lavoro
2. Le Gite Fuori Porta
3. Il Raffreddore Delle Donne
4. Manager Nella Nebbia
5. Parole Vere In Un Mondo Vero
6. Arpegginlove
7. Ice Albergo
8. 30 Anni Che Non Ci Vediamo
9. Fiamme In Un Bicchiere
10. Scimmie D’Amore
11. E2 E45

AMARI su IndieForBunnies:

Tracklist
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...