REVEREND AND THE MAKERS
The State Of Things

 
 
5 Dicembre 2007
 

[ratings]

Uno che si fa chiamare Reverend e afferma di voler fare il punto sullo stato delle cose ha due chance: o è ospite fisso di un ospedale psichiatrico, oppure è un cantante rock. La fortuna sorride a Jon McClure, che tra le due opta per la seconda possibilità: i suoi Reverend And The Makers sono l’ennesimo nome che dalle pagine virtuali di un myspace va a finire sui ben più concreti fogli delle riviste d’oltremanica che contano, e da qui nei negozi di dischi e nelle playlist dei club indie. Il tutto in nome del dio Hype.

Considerarteli un po’ come i fratellini più sfortunati degli Arctic Monkeys: arrivano da Sheffield anche loro, rappresentanti di una effervescente Yorkshire Scene, e come le scimmie polari, affrontano temi da sobborgo urbano con testi veloci e crudi. Ma le affinità non finiscono qui, anzi: Jon McClure e Ed Cosens, 2/7 dei Makers, erano nei misconosciuti Judan Suki e poi nei 1984 con Alex Turner e Matt Helders, poi emigrati negli Arctic Monkeys. Ed il danzante robot from 1984 di “I Bet You Look Good On The Dancefloor” altri non è che lo stesso McClure.
Anche musicalmente il gruppo si colloca a metà strada tra le virate più funky degli Arctic Monkeys e il sound di band come Klaxons e Shitdisco (insomma, i gruppi del tanto nominato nu-rave), senza nulla fare per distinguersi particolarmente dagli uni o dagli altri. Bassi pompati, voce impostata e sensuale, beat dance e campionature spesso al limite del kitch: questo è “The State Of Things”, niente di nuovo sotto il sole (o la pioggia) di Albione, ma il disco si fa piacevolmente ascoltare e fa battere i tacchi delle scarpe anche ai più restii. La band da il meglio sui pezzi tirati, mentre non altrettanto riusciti sono le canzoni più dilatate, e qualche sbadiglio alla fine non si riesce a trattenerlo (per fortuna nella tracklist sono ben pochi i brani lenti).

Insomma, i Reverend And the Makers hanno le carte in regola per far proseliti nelle indie-dancefloor di mezzo mondo grazie alla loro attitudine ammiccante e irriverente. Ma ribadisco, non aspettatevi rivoluzioni.
Oggi è il nu-rave, vent’anni fa lo chiamavano Madchester.

Cover Album
Band Site
MySpace
State Of Things [ Wall Of Sound – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Arctic Monkeys, Klaxons, Happy Mondays
Rating:
1. State of Things
2. Machine
3. Heavyweight Champion Of The World
4. Bandits
5. Open Your Window
6. Sex With The Ex

7. 18-30
8. He Said He Loved Me
9. What the Milkman Saw
10. Sundown on the Empire
11. Miss Brown
12. Armchair Detective
Tracklist
 

1 Comment

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Piccolo errore nel trascrivere il voto in stelline: il mio era un 3 out of 5 😛

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments