ROBER WYATT
Comicopera

 
Tags:
 
19 Dicembre 2007
 

[ratings]

Per chi si fosse perso le puntate precedenti Robert Wyatt è il fondatore e batterista di uno dei gruppi di Rock Progressivo più influenti nella storia della musica rock: i Soft Machine. 7 anni dopo aver fondato i Soft Machine, nel 1973, Robert durante un festino cade dal 3° di un palazzo e rimane paralizzato dalla vita in giù. L’incidente lo prova duramente, nell’animo e nell’approccio alla musica e al suo strumento in particolare.

Da lì in avanti comincia la sua carriera solista, il debutto post-incidente lo incide addirittura durante il periodo di riabilitazione, è il magnifico “Rock Bottom”. La musica del Wyatt solista è a dir poco inclassificabile, rock progressivo, free jazz, musica etnica, tantissime sono le influenze che convivono nelle incisioni del musicista di Canterbury.

“Comicopera” è sicuramente un disco più leggero e meno denso di “Cuckooland”, più lucente in qualche modo più allegro. Forse anche da questo il significato del titolo. In realtà tutto si può dire di Wyatt tranne che sia un tipo allegro. Interessante, meditativo, filosofico, cupo, ironico, profondo… tutto tranne che allegro.

Il disco è diviso in 3 atti: “Lost in Noise”, “The Here and The Now” e “Away with the Fairies”. La divisione, simil formato vinilico, forse tradisce una velata nostalgia all’epoca in cui i dischi venivano concepiti in maniera organica ed incisi per essere ascoltati interamente. “Comicopera” è stato prodotto ed arrangiato da Wyatt, registrato in casa di Robert in Louth, con session man che lo stesso Wyatt considera amici e il cui apporto e tracciabile durante l’ascolto del disco.

Il musicista, come sempre, fa di necessità virtù e i mezzi espressivi che ha a disposizione vengono esaltati risultando un sound unico. I piatti della batteria, gli strumenti a fiato, la modulazione della voce trattata come uno strumento, danno corpo ad una visione della musica da una prospettiva “altra”. Il linguaggio musicale di Wyatt apre all’ascoltatore nuovi paesaggi sonori non convenzionali, spiazzanti, ma sempre oggettivamente belli.

“Comicopera” non è certo “Cuckooland”, “Shleep” e tanto meno “Rock Bottom”, ma l’ascolto è caldamente consigliato e soprattutto, per chi ancora non lo conoscesse, l’avvicinamento è dobbligo.

Recensione precedentemente pubblicata su IndieRiviera

Band Site
MySpace
Comicopera [ Domino – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Soft Machine, Nick Drake, Pink Floyd, Scott Walker, Brian Eno
Rating:
1. Stay Tuned
2. Just As You Are
3. You You
4. A.W.O.L
5. Anachronist
6. A Beautiful Place
7. Be Serious
8. On the Town Square
9. Mob Rule
10. A Beautiful War
11. Out Of The Blue
12. Del Mondo
13. Cancion de Julieta
14. Pastafari
15. Frangment
16. Hasta Siempre Comandante
Tracklist
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...