MANDO DIAO
Never Seen The Light Of Day

 
 
25 Dicembre 2007
 

[ratings]

Un pezzo di far west tra i ghiacci scandinavi: stivali con tanto di speroni, un cappello da cowboy e l’insegna del più stereotipato dei saloon (con la tipica porta da saloon e le tipiche imprecazioni da saloon). Immagini evocate dall’ultimo disco dei Mando Diao, “Never Seen The Light Of Day”, che segna una decisa virata della band svedese verso certe atmosfere country d’oltreoceano. Non che già negli album precedenti non si scorgessero qua e là certi ammiccamenti a determinate sonorità, ma il nuovo disco, complice anche un lungo tour attraverso gli States, si sviluppa interamente all’ombra del folk del nuovo continente.

Osannati in Germania, Spagna e Giappone, semisconosciuti in Italia, i cinque svedesi sfornano a sorpresa un disco che arriva ad appena un anno di distanza dal precedente “Ode To Ochrasy”: nessuna pausa post-tournè, campagna promozionale ridotta al minimo, soltanto uno striminzito annuncio e le undici tracce ascoltabili in streaming sul myspace del gruppo pochi giorni prima della data di uscita nei negozi. Solo tredici mesi di distanza, ma “Never Seen The Light Of Day” è in molti frangenti l’antitesi di “Ode To Ochrasy”: entrambi attingono alla stessa fonte, un rock ‘n’ roll dall’alto potenziale melodico, marchio di fabbrica del gruppo, ma se i pezzi decisamente garage oriented del precedente lavoro avevano esaltato al massimo il lato più aggressivo e rumoroso della band, i nuovi brani mettono invece a nudo l’anima più acustica dei Mando Diao. I distorsori restano a casa per fare spazio al country a stelle e strisce, ma anche al rock dei Sixties e ad una inedita vena psichedelica (il closing-act “Dalarna” su tutte); il tutto completato da testi più intimisti che svelano una nuova faccia della band.

Qualche pezzo, complice la rapidità della produzione, suona un po’ troppo b-side; ma “Never Seen The Light Of Day” potrebbe essere il disco che metterà a tacere chi di volta in volta voleva i Mando Diao cloni meglio vestiti di Oasis o Libertines o chicchessia.
E’ una svolta, questa, che per molti aspetti mi ha fatto ricordare quella dei Black Rebel Motorcycle Club di “Howl”, e che non mancherà di dividere i fan in due schieramenti opposti. Sufficienza piena al lavoro della band, e mezza stellina per il coraggio, in attesa di ascoltare gli sviluppi futuri.

Cover Album
Band Site
MySpace
Never Seen The Light Of Day [ EMI – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Neil Young, Blanche, Black Rebel Motorcycle Club, Pete Doherty
Rating:
1. If I Don’t Live Today,
Then I Might Be Here
Tomorrow
2. Never Seen the Light
of Day

3. Gold
4. I Don’t Care What
the People Say
5. Mexican Hardcore
6. Macadam Cowboy
7. Train on Fire
8. Not a Perfect Day
9. Misty Mountains
10. One Blood
11. Dalarna
Tracklist
 

1 Comment

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ma l’ultimo non l’avete neanche recensito? Questo è il loro peggiore.

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments