NO KIDS
Come Into My House

 
 
7 Febbraio 2008
 

[ratings]

I primi due brani in scaletta mi avevano steso. Mi stropicciavo idealmente gli occhi per vederci più chiaro,destato da un torpore pomeridiano di un pigro sabato di gennaio da questa singolare ed efficace doppietta iniziale. “Great Escape” è un pezzo pop orchestrale e delicato in perfetto stile Sufjan Steven,col pianoforte in primo piano, gli archi dietro a ricorrere e poi le percussioni e una tastiera parsimoniosa. Splendido manifesto dal gusto retrò. Poi segue “For hallowen” che ricorda molto da vicino gli Architecture In Helsinki ma con accenti soul e r’n’b.

La maggior parte delle canzoni si orienta su questa seconda soluzione, facendo emergere marcatamente la componente r’n’b ed una strumentazione che si avvale di numerosi effetti sintetici.
Però come recitava una pubblicità, la potenza è nulla senza controllo, e non tutto si assesta sugli stessi standard, e certi episodi si trascinano stancamente ed in maniera piuttosto anonima.
Nella mia testa comunque si fa forte la convinzione che la band, originaria di Vancouver in Canada, abbia tutte le carte in regola per diventare qualcosa di più dell’ennesima meteora dell’ormai sconfinato panorama indie.

Probabilmente è impossibile risultare originali nell’ambito del pop odierno, ma i No Kids riescono comunque a sfuggire alle canoniche classificazioni di genere grazie ad un continuo cambio di registro che spesso predilige soluzioni in stie motown inserite in un contesto indiepop sintetico, altre volte si avvale di soluzioni più classiche o dal gusto decisamente antico . In tal senso è indicativa “Four Freshmen Locked Out As The Sune Goes Down”, praticamente un pezzo folk anni ’50. Certo non tutto suona accattivante e convincente fino in fondo, ma questo esordio è sicuramente un ottimo biglietto da visita che vale sicuramente un ascolto attento divertito.

Cover Album
MySpace
Come Into My House [ Tomlab – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Architecture In Helsinki, Prince, Belle And Sebastian
Rating:
1. Great Escare
2. For Halloween
3. The Beaches All Closed
4. Bluster In The Air
5. I Love The Weekend
6. Four Freshmen Locked
Out As The Sun Goes Down

7. Old Iron Gate
8. You Look Good To Me
9. Listen For It / Courtyard Music
10. Dancing In The Stacks
11. Neighbour’s Party
12. The Puddle
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...