NEST
Isn’t It ?

 
 
9 Febbraio 2008
 

[ratings]

In effetti non ho mai capito cosa voglia dire post-rock. O meglio, so a cosa ci si riferisce ma continuo a non comprendere certe sottoetichette: post, nu, free sono tutti prefissi che non amo associare alle parole “pop” e “rock”. Insomma la musica è molto più semplice di come le riviste e i soliti snob la vogliono far passare. Ma siccome la maggior parte di noi si è abituata a questa serie di presunti sottogeneri,non posso far altro che turarmi il naso e annunciarvi che i Nest, da Firenze, fanno post-rock, ma non solo. Mi sembra di tornare a circa dieci anni fa quando alcuni amici mi fecero scoprire i Karate, prima che Farina e soci si intrippassero col jazz ed un suono, per quanto ricco di tecnica, decisamente noioso.

Ad un primo ascolto, oltre ad un salto indietro nel tempo in cui la mia stempiatura era soltanto accennata e le mie articolazioni scapolo-omerali erano ancora integre, i brani scivolano via senza troppi sussulti. Poi riascoltandoli, cogli i particolari, e scopri nei passaggi acustici accenni di Black Heart Procession, una decadente solennità nei toni, e nei passaggi più elettricidelle belle cavalcate soniche.

Bene , ora puoi anche adagiarti comodamente sulla tua poltrona preferita e infilare il disco nel lettore booklet alla mano per immergerti nei testi, rigorosamente in inglese. Ed è qui che “Isn’t It?” prende la sua forma definitiva, che il cerchio si chiude e che scopri il reale valore della band fiorentina: immagini agresti, visioni psichedeliche e ipnotiche, fotogrammi notturni. Un bel trip sotto acido, vissuto all’ombra dei cipressi oppure distesi su un prato in aperta campagna mentre il cielo imbrunisce.

Ti fanno male tutte le ossa oggi, meglio restare fermi ed ascoltare in loop “U.S. Refrain”. Il terreno sotto di te non smette di tremare, il cielo si inarca e si poggia al suolo. Niente più dolore, niente più paura. E’ il tuo turno adesso. Starai benissimo.

MySpace
Isn’t It? [ Zahr – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Sonic Youth, Karate, Black Heart Procession
Rating:
1. Sadie
2. Rock Water
3. Knife
4. Isn’t it? (Meadow Hill)
5. How To build A Kaleidoscope

6. Spring Flowers
7. The Sratch
8. U.S. Reefrain
9. Mix – Down
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...