CHEWINGUM
La Seconda Cosa Da Andare

 
 
22 febbraio 2008
 

[ratings]

Poesia in pillole, filastrocche infantili e quadretti casalinghi a colori pastello. Le prime tre cose che mi sono venute in mente ascoltando questo disco. Se c’è una cosa che qui in Italia sappiamo fare bene è certo pop a bassa fedeltà, che lambisce il folk e ha il sapore genuino di una minestra che la nonna che vive in campagna ci ha preparato.

E certo, va bene che non abbiamo un forte respiro internazionale, e anzi il tutto suona “piacevolmente provinciale”, ma la tanto bistrattata Italia è fatta anche e soprattutto di piccoli centri abitati, strade di provincia e tappeti di foglie secche e sassolini impolverati. I Chewingum ricordano certo twee pop acustico che dalla Svezia ci propinano mensilmente, ed hanno l’ingenuità poetica di Mr. Brace e quel tocco infantile tipico di Artemoltobuffa.

Dieci brani che giocano a non prendersi troppo sul serio e che allo stesso tempo hanno un microcosmo di quotidianità da raccontare, o meglio da fotografare. Metteteci pure che la produzione è affidata ad un trio di realtà indipendenti del nostro paese come la Tafuzzy, il Marinaio Gaio e About a Boy ed otterrete un risultato, nel suo piccolo, di assoluto spessore. Se davvero esistessero i tesori nascosti, di sicuro potremmo vantarci di averne trovato uno.

MySpace
La Seconda Cosa Da Andare [ Tafuzzy / Marinaio Gaio / About A Boy – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Mr.Brace, Artemoltobuffa, Perturbazione
Rating:
1. Jingolino I Sedici Battute
2. No Guarda Scusa Devo Andare
3. Giulio-Claudia

4. Io Mi Faccio I Film
5. Ryanair

6. Julay In Foto
7. Ho Una Splendida Colonna Sonora
8. La Matematica Di Notte
9. Paul Simon
10. Giallo Paprica
Tracklist
 
 

The Smashing Pumpkins – Shiny ...

La situazione del mio Milan è molto vicina alla band di Billy Corgan, che oggettivamente fa parte della storia e ha scritto pagine di ...

Bloodbath – The Arrow Of ...

Vatti a fidare di quei simpaticoni dei Bloodbath. Non hanno un’ottima cera, ma finalmente sono tornati. Eppure quattro anni fa ci avevano ...

The Ar-Kaics – In This Time

Iniziare la recensione di questo disco firmato The Ar-Kaics partendo dalla cover mi sembra una buona idea. In genere non vengono neppure ...

Jacco Gardner – Somnium

Avevamo conosciuto Jacco Gardner grazie ai suoi due precedenti lavori che si erano rivelati molto interessanti. Alcuni lo avevano paragonato ...

Bill Ryder-Jones – Yawn

Il giorno dell’uscita del suo nuovo disco, Bill Ryder-Jones ha pubblicato un messaggio su Instagram che diceva “non sono stupido, mi ...