LITTLE NAME
How To Swim And Live

 
 
27 Febbraio 2008
 

[ratings]

Di solito non mi piace scrivere di argomenti musicali mettendo troppo in evidenza le vicende personali dell’artista rispetto alla sua stessa arte. In questo caso però l’artista non conduce una esistenza all’insegna dell’autodistruzione. Non ci troviamo di fronte al solito binomio (di solito pompatissimo dalla stampa) vita malsana/musica maledetta.

Lee Barker, ovvero il signor Little Name, vive da otto anni isolato in casa, giacché soffre di terribili crisi di panico e di insostenibili stati ansiogeni. Ma “How To Swim And Live” (interamente registrato tra le mura domestiche) non è un disco drammaticamente teso o particolarmente nevrotico come mi sarei aspettato apprendendo questa sfortunata vicenda. Vivere così in fondo è, senza offendere chi si ritrova a combattere contro un terribile male di natura fisica, come essere menomati a tutti gli effetti. Già…non è facile per niente. Eppure le canzoni dell’album sono tenere, gioiose (di quella gioia vera, cioè non debordante, ma velata di una sottile tristezza che quindi la rende ancora più autentica), d’altronde inevitabilmente nostalgiche. Lee (voce alla Roger Waters -!- e pose alla Stephen Merritt, solo con un atteggiamento ancora più introverso) è un valido discepolo del pop di Belle & Sebastien, o anche degli Smiths se vogliamo. Non solo si intuisce ciò già dopo un paio di ascolti, ma lo stesso musicista conferma queste influenze nel suo sito, aggiungendoci quella di Burt Bacharach e dei Camera Obscura.

La iniziale “For The Attention Of “ è già programmatica dello stile Little Name: agili pennate, ritmi quasi ballabili, un motivo di tromba teneramente grottesco e un modo di cantare tra crooning austero e pavido sussurrare.
In “Tracy & I “ si sente il sapore salato di timide lacrime, ma sarà la melodia di xilofono a far nascere il più sincero e cortese dei sorrisi. “A Life Such As Mine”, affogata in un dolciastro balsamo orchestrale, è lo sguardo limpido del mite Lee che osserva il suo mondo tutto particolare, cullato da quel la-la-la rassicurante. “Nobody Loves You e You Tear My Love Apart” sono coinvolgenti e romantiche canzoni indie-pop sapientemente arrangiate, meno trattenute e più “sanguinanti”.

Come nuotare e vivere. Come stare immobili e nonostante tutto vivere. E poi volare, amare, essere normali.

Band Site
MySpace
How To Swim And Live [ Sleepy– 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Belle & Sebastien, Camera Obscura, The Smiths
Rating:
1. For The Attention Of
2. I Always See The Sun Rise
3. How To Swim And Live
4. Tracy & I
5. Orienteering
6. A Life Such As Mine

7. Picked Out The Line
8. Nobody Loves You
9. Dreaming Is a Private Thing
10. This Was Your Place Of Birth
11. Sam And Molly Are In Love
12. You Tear My Love Apart
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...