VAMPIRE WEEKEND
Vampire Weekend

[ XL - 2008 ]
8
 
Genere: alternative rock, pop-rock
 
3 Marzo 2008
 

Occupare il tempo libero è il grande cruccio dell’uomo medio occidentale. C’è chi si ustiona artificialmente sotto una lampada violacea, chi butta sassi dai ponti, chi dà esami all’università o chi nel migliore dei casi si fidanza. Quattro ragazzi newyorkesi hanno deciso invece di andare in giro a scovare vecchi strumenti dell’epoca di mamma e papà e di innamorarsi di tutto ciò che suoni vagamente ’60s e sia stato baciato dal sole.

In fondo il mondo a colori può annoiare, meglio la fantasia di un bianco nero sgranato. Quello che è venuto fuori è un album sorprendente fin dal primo ascolto, gioioso, divertente, in piena adorazione di qualsiasi cosa ruoti attorno al ‘pop’ di classe e alla ritmica sostenuta. Non si fanno mancare nulla, da cadenze vagamente caraibiche passate sotto il torchio elettrico di una stratocaster, allo zucchero montato a neve di “Oxford Comma”, fino a tenere ballate come in “Walcott”. Per ascoltare l’album bisogna mettere da parte qualsiasi snobismo e credere per almeno una mezz’oretta che il mondo sia un posto tremendamente piacevole.
Se poi vi ritroverete a saltellare nel centro città con bermuda bianchi ed un cocktail all’ananas con pirotecnico addobbo floreale sul bordo a sugellare il vostro rinnovato spirito, ben saprete dove cercare la causa di cotanto delirio quando vi porteranno dallo psicologo.

Il merito sarà esclusivamente di Ezra Koenig e soci, ai quali piace giocare coi riferimenti e le mescolanze interetniche; infatti nel disco ci buttano di tutto per poi mischiarlo con infaticabile leggerezza: The Clash, The Kinks, i Talking Heads, i Beatles, gli Arctic Monkeys, il mondo fruttato di Josh Rouse, accenni di ’ska’ e ‘world-music’ (orrore! ma è solo una sensazione passeggera, tranquilli..) ed addirittura richiami di certo pop nordico a la Sondre Lerche. La verità in questi casi sta nel collo, che difficilmente rimarrà bloccato per non far ciondolare la testa. New York parla con l’accento dello Yorkshire e siamo tutti più contenti. La prossima volta che organizzerete una festa, oltre ad invitarmi, siete tenuti a mettere su questo disco e ad alzare indecentemente il volume. E non vi preoccupate: le birre le porto io.

Tracklist
1. Mansard Roof
2. Oxford Comma
3. A-Punk
4. Cape Cod Kwassa Kwassa
5. M79
6. Campus
7. Bryn
8. One (Blake’s Got A New Face)
9. I Stand Corrected
10. Walcott
11. The Kids Don’t Stand A Chance
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...