banner

PASCAL
Galgberget

8 marzo 2008

[ratings]

Spiagge sterminate, occhiali da sole e droghe leggere, siamo in…Svezia, già, sembra strano ma i Pascal sono svedesi, suonano una sorta di surf con parecchie influenze, come tutte le cose migliori del resto, a tratti molto chitarrosi, come piace a me, abbastanza incazzati e molto garage, diciamo pure pulp.
Nella loro musica non è tutto risplendente e allegro, la mancanza del sole californiano in realtà si fa sentire abbastanza, e le atmosfere di “Galgberget” sono per molti tratti in un certo senso oscure e non propriamente gioiose (ascoltate la title track ad esempio), insomma più che scene di surfisti con ipod stretto in mano, in alcuni brani mi fanno tornare in mente delle sequenze splatter di “Natural Born Killers”, sparatorie forsennate e urla a squarciagola.

Tappeti di basso e chitarre con pennate (o plettrate fate voi) violente, mi sembra un buon modo per definire quello che fanno.

Le voci sono due, maschile e femminile, che in molti brani si inserisce e prende quasi il sopravvento. Il risultato di tutto è un suono acido quanto basta, anche se in definitiva si tratta per lo più di giri e ritmi classici. In alcuni passaggi mi ricordano le chitarre dei Jesus and Mary Chain, ma non quelle ultradistorte di “Psychocandy”, intendiamoci, siamo pur sempre in zone surf!

Questo disco sortisce uno strano effetto, l’ho ascoltato più volte, non l’ho mai amato, ma sono convinto si tratti di un gruppo che crede nel proprio sound, non so se riesco a spiegarmi, e che se dal vivo “tira” come nell’album allora mi farebbe piacere vedere in azione.

Cover Album
Band Site

Galgberget [ Novoton - 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: The Raveonettes, The Kills, The Cramps
Rating:
1. Stort Och Vackert
2. Längtar Efter Dig
3. Jag Vill Ha Allt
4. Cadillac
5. Oslo
6. Älska mig/Skjut Mig

7. Kom Ner
8. Rödlätta Man
9. Ökenryttaren
10. Smärtstillande
11. Min Enda Vän
12. Galgberget

 

Articoli Correlati:

    Non Ci Sono Articoli Correlati

Nessun commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…