PASCAL
Galgberget

 
 
8 marzo 2008
 

[ratings]

Spiagge sterminate, occhiali da sole e droghe leggere, siamo in…Svezia, già, sembra strano ma i Pascal sono svedesi, suonano una sorta di surf con parecchie influenze, come tutte le cose migliori del resto, a tratti molto chitarrosi, come piace a me, abbastanza incazzati e molto garage, diciamo pure pulp.
Nella loro musica non è tutto risplendente e allegro, la mancanza del sole californiano in realtà si fa sentire abbastanza, e le atmosfere di “Galgberget” sono per molti tratti in un certo senso oscure e non propriamente gioiose (ascoltate la title track ad esempio), insomma più che scene di surfisti con ipod stretto in mano, in alcuni brani mi fanno tornare in mente delle sequenze splatter di “Natural Born Killers”, sparatorie forsennate e urla a squarciagola.

Tappeti di basso e chitarre con pennate (o plettrate fate voi) violente, mi sembra un buon modo per definire quello che fanno.

Le voci sono due, maschile e femminile, che in molti brani si inserisce e prende quasi il sopravvento. Il risultato di tutto è un suono acido quanto basta, anche se in definitiva si tratta per lo più di giri e ritmi classici. In alcuni passaggi mi ricordano le chitarre dei Jesus and Mary Chain, ma non quelle ultradistorte di “Psychocandy”, intendiamoci, siamo pur sempre in zone surf!

Questo disco sortisce uno strano effetto, l’ho ascoltato più volte, non l’ho mai amato, ma sono convinto si tratti di un gruppo che crede nel proprio sound, non so se riesco a spiegarmi, e che se dal vivo “tira” come nell’album allora mi farebbe piacere vedere in azione.

Cover Album
Band Site

Galgberget [ Novoton - 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: The Raveonettes, The Kills, The Cramps
Rating:
1. Stort Och Vackert
2. Längtar Efter Dig
3. Jag Vill Ha Allt
4. Cadillac
5. Oslo
6. Älska mig/Skjut Mig

7. Kom Ner
8. Rödlätta Man
9. Ökenryttaren
10. Smärtstillande
11. Min Enda Vän
12. Galgberget
Tracklist
 
 

Savoir Adore – The Love That ...

Savoir Adore erano un duo, composto da Paul Hammer e Deidre Muro. L’uscita di scena…

Sam Coomes – Bugger Me

Sam Coomes è una delle mie tardive ma graditissime “scoperte” di polistrumentisti dalle molteplici e…

Car Seat Headrest – Teens of ...

Ci sono pose, magliette, modi di dire, amicizie che invecchiano malissimo. Così come Facebook ci…

Local Natives – Sunlit Youth

Local Natives tornano a bussare alle nostre porte. Lo fanno a tre anni da “Hummingbird”…

Taking Back Sunday – Tidal ...

L’altare ormai sconsacrato dell’indie/emo rock made in the USA porta ancora, indelebili, le incisioni di…