GOLDFRAPP
Seventh Tree

 
Tags:
 
12 Marzo 2008
 

[ratings]

Ok che Alison Goldrapp, o solo Goldfrapp che dir si voglia, ha sempre dimostrato una certa mutevolezza di stile e contenuti, ma ecco, dopo le sinuose avventure elettro-pop di “Black Cherry” e “SuperNature”, sicuramente in pochi avrebbero potuto pronosticare questo “Seventh Tree”, quarto lavoro in studio più all’insegna di un onirico pop d’autore che di facili e ammiccanti motivetti da dance floor.

Si potrebbe parlare di un mezzo ritorno alle origini, sebbene a sette anni di distanza non sembrerebbe avere molto senso ritornare sui propri passi, fotocopiandoli alla meglio, giusto giusto per ri-accontentare i fans traditi dal tanto elettronico sex appeal di “Supernature”.
Goldfrapp, che senza dimenticare il socio di sempre Will Gregory non è evidentemente l’ultima arrivata, dimostra di non scivolare sul facile trabocchetto della pura e semplice rivisitazione del passato, ma anzi, sceglie di pescare dalle sue due nature fin qui proposte, in un delicato e riuscito mix che forse per una volta potrà mettere d’accordo tutti.

Certo, è innegabile che la bella Alison peschi a piene mani dal vellutato folk degli esordi, ma senza dimenticare nulla lo arricchisce di soffici inserti elettronici à la Portishead e lo plasma in una struttura più leggera, sciolta e pop, eredità (in)diretta dell’esperienza “Black Cherry” – “Supernature”.
“Happyness” e il singolo d’esordio “A&E”, sembrano semplificare al meglio la filosofia del disco, nel suo allontanarsi dagli estremi – quello evocativo e oscuro di “Felt Mountain” e quello ammiccante e catcy di “Supernature” – alla gioiosa ricerca e composizione di belle canzoni.
Che sia l’orecchiabile elettro-hyppie di “Caravan Girl”, il cauto dream pop di “Little Bird” o i melodiosi saliscendi di “Cologne Cerrone Houdini” (brano migliore del disco e probabilmente tra i migliori di questo scorcio di 2008), poco importa, basta scegliere.

Quello che conta è che Goldfrapp, nel suo “Seventh Tree”, sembra finalmente aver trovato la sua dimensione ideale, naturale somma sonora di esperienze contrastanti che, come in un meraviglioso lieto fine, finiscono per fondersi magicamente in un magistrale arcobaleno di musica e profumi, difficile da ignorare e dimenticare.
Benvenuta, finalmente.

Cover Album
Band Site
MySpace
Seventh Tree [ Mute – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Portishead, Kate Bush, Pj Harvey
Rating:
1. Clowns
2. Little Bird
3. Happiness
4. Road to Somewhere
5. Eat Yourself

6. Some People
7. A & E
8. Cologne Cerrone Houdini
9. Caravan Girl
10. Monster Love
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...