SAM AMIDON
All Is Well

 
Tags:
 
15 Marzo 2008
 

[ratings]

Adesso la luce crepuscolare scolora. Adesso l’orizzonte gli appare chiaro nell’onnipotenza violacea. Poggia la sua testa calva e tonda alla finestra. Ora c’è calma. Gli occhi acquosi da vecchio stanco fissano la radura dorata dall’ultimo sole. Sente come un afflosciarsi di trombe dilatate. Rimastica un mozzicone di sigaro sbrindellato e se ne sta lì immobile come se non stesse aspettando altro da una vita. Il mondo è un cencio sporco che non lo riguarda più. L’universo trattiene il respiro in quel tramonto biblico, selvaggio e senza esseri umani di mezzo. Un fischio nelle orecchie unisce il filo di cotone dei suoi crepuscoli solitari. Un fischio, una folata di vento che galoppa da dietro la collina e si ferma tra le corde della chitarra dell’ennesimo stupore americano.

Sam Amidon: talentuoso ventiseienne del Vermont. Occhi spauriti, cappello di paglia, voce malinconica e semplice, sincera, senza ammiccamenti e formalismi di sorta. Musica apparentemente scarna, una chitarra acustica, qualche banjo, timidi giri di pianoforte, il canto di un violino in sordina, una tromba dilatata che apre la mente. Invece sotto c’è una grande cura, incastri che sciolgono il cuore, soffici sguardi profondi al rallentatore, visioni congelate nella memoria che ferma l’attimo. Dal freddo del piccolo Stato americano a quello dell’Islanda per registrare sotto l’ala protettiva di Valger Sigurdsson (già con Bjork, Mum, Ben Frost ecc..) un disco meraviglioso che odora di laghi ghiacciati e sciroppo d’acero.

Nell’aria c’è una dolcezza pungente, tracima d’odore d’uva e terra smossa; la vendemmia è appena terminata ed ai piedi di una possente quercia un ragazzo e la sua chitarra mettono in imbarazzo il cosmo e la sua complessità. Da dietro l’uscio il vecchio osserva placido e commosso, si siede sull’ampia poltrona della veranda, socchiude gli occhi e si lascia riscaldare dall’ultimo gesto affettuoso della giornata.

La bellezza salverà il mondo: così sacramentava un tizio da San Pietroburgo. Proviamoci partendo da quest’album, aggiungo io.

Cover Album
Band Site
MySpace
All Is Well [ Border Community – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Nick Drake, Bon Iver, Iron & Wine, Tyler Ramsey
Rating:
1. Sugar Baby
2. Little Johnny Brow
3. Saro
4. Wild Bill Jones
5. Wedding Dress
6. Fall On My Knees
7. Little Satchel
8. O Death
9. Prodigal Son
10. All Is Well
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...