THOMAS BRINKMANN
When Horses Die…

 
 
18 Marzo 2008
 

[ratings]

Non è facile parlare di Thomas Brinkmann: il poliedrico artista tedesco ha iniziato come atipico remixer per musicisti del calibro di Depeche Mode e Ritchie Hawtin (recuperate il doppio “Concept 1 96:CD/VR” per scoprire di cosa parlo: le “VeRsions”del secondo disco sono tutte ad opera di Brinkmann), passato per territori out-dance giunge ora, in questo 2008, ad un disco di electro-rock tanto classico quanto affascinante.

Parlo di classico perché in nessun’altra maniera si posso definire le architetture di “When Horses Die…”: una voce profonda e baritonale canta sommessa e recita disincantata su scale di discendenza electro-wave… Nick Cave accompagnato sul palco soltanto dalla drum-machine. David Sylvian sussurra tenebroso sui tappeti fantascientifico-ambientali di Dopplereffekt. Ma parlarne così è alquanto riduttivo e meri paragoni non possono rendere l’espressività di quest’album.

Se l’inizio è sommesso e pare di stare nella Berlino degli ani ’80, tra cantautori improvvisati e musiche che non si prendono troppo sul serio restando impercettibili tappeti di note analogico-digitali da claustrofobia e whisky e sigarette della buonanotte (eccezionale la prima traccia, “Words”, in cui par di sentire il Re Inchiostro recitar cantando sopra un rarefatto ambient-dark oppure “Birth & Death”, oscuro e pesante magma di pulsazioni elettroniche con la voce che appare dal nulla e rimane sfumata esattamente come il fumo di una paglia); ben presto il ritmo prende il sopravvento. “Meadow” rielabora torbide pulsioni post-punk con un battito incerto e casalingo venato di inserti glitch; stupisce l’incedere minaccioso e quasi in levare di quel gioiellino di “Souls” che, insieme alla distorte e danzerecce “2suns” e “It’s Just”, evoca sonorità alla Einsturzende Neubauten meno intransigenti. La title-track coniuga dub metropolitano ad inquietudini industrial in un affresco che, soprattutto nel finale, ricorda i Nine Inch Nails più ispirati e sommessi. Il disco si conclude con la strumentale ed elegiaca 40 e poche volte conclusione è stata più appropriata.

Questo “When Horses Die…” non sarà un album straoriginale, ma rimane un ascolto profondo e coinvolgente, adatto a giornate piovose e leggermente apatiche: un disco sincero ed a cuore aperto come era un po’ che non se ne sentivano.

Cover Album
When Horses Die… [ Max Ernst – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Inch Nails, Einsturzende Neubauten, David Sylvian, Nick Cave
Rating:
1. Words
2. Spiral
3. Birth&Death
4. Meadow
5. Souls
6. 2Suns
7. Uselessness
8. It’s Just
9. When Horses Die…
10. 40
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...