24 GRANA
Ghostwriters

 
 
25 Marzo 2008
 

[ratings]

Napoli è stata forse per tutti gli anni novanta una delle realtà musicali più belle d’Italia: se i 99 Posse davano una loro divertente e politicizzata versione del big-beat, gli Almamegretta erano il top della qualità non solo per chi cercava sonorità nuove (trip-hop, downtempo) e tradizione (dub, ritmi mediorientali, canzone napoletana) in un amalgama originale e senza tempo. Sbagliato però sarebbe dimenticarsi dei 24 Grana, che dopo una partenza su territori simili al collettivo di Raiss si sono lanciati su territori più rock, proponendo un’intelligente miscela di sonorità alla Radiohead, attitudine indie, cantautorato e reminescenze degli esordi. Forti di una decisa coerenza e trascinati dalla meravigliosa voce di Francesco Di Bella, i 24 Grana arrivano ora al traguardo del quinto disco in studio: “Ghostwriters” si presenta come un album asciutto e consapevole, molto coinvolgente e non può non risentire della situazione attuale del capoluogo campano. Si respira quindi un’aria spesso tesa e livida, di rabbia sopita e profonda.

”Luntano” apre l’opera con intima maestosità: un sound decisamente rock, consapevole e pieno, la voce come sempre è una mano amichevole che conforta e stringe e guida in giornate che non sanno come passare. Ancora meglio, primo gioiellino di questo scrigno, è “L’Alba”: poche volte avevamo sentito questi ragazzi così essenziali e magnifici, reminescenze desertiche avvolgono un piccolo capolavoro disperato di melodia ed emozione. “Invece Avere Una Vita Davanti”, primo accattivante singolo con la partecipazione alla voce di Riccardo Sinigallia (mentre il fratello Daniele produce l’intero disco), è leggera leggera, intrisa di placida allegria e colori dolcemente pulp: poi quanto riesce ad essere espressivo Francesco lo sappiamo soltanto noi che lo adoriamo e qui dà forse il meglio di sé, così stralunato e strascicato.

”Carcere” ricorda la toccante “Kanzone Su Un Detenuto Politico” (su K-Album) per tematica ed atmosfera: poche distorsioni e tanto risentimento, un suono avvolgente ed un’interpretazione perfetta per una canzone che brucia la pelle e tormenta il cuore. “Smania ‘E Cagnà” è la sintesi perfetta di tutto l’universo della band: indie-rock cantautorale, semplice ed immediato, con l’anima che viaggia per tutta l’Italia, ricorda i suoi passati (Napoli su tutto, ma anche lontanissimi echi di Bristol) ed immagina le distese aride dell’America più roots così come platee altre da stupire con l’intenso respiro degli archi.

”Le Verità” è il pezzo più pop, classicamente pop: un duetto incantevole ed irresistibile con Filippo Gatti. Mentre la conclusiva “Sbagli ’E Parole” è un ritorno a casa inquieto e romantico, un atto d’amore spassionato e non stupido per il proprio background culturale.
Quando “Ghostwriters” finisce lascia forse un senso di incompletezza: così breve eppure così bello e necessario ci spinge immediatamente a ripetere l’ascolto, a lasciarci cullare nuovamente su queste splendide note.

Band Site
MySpace
Ghostwriters [ La Canzonetta / SINTESI 3000 – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Radiohead, Riccardo Sinigallia, Elettrojoyce
Rating:

1. Luntano
2. L’Alba
3. Avere Una Vita Davanti
4. Carcere
5. Accireme

6. Smania ‘E Cagnà
7. Lacreme
8. Le Verità
9. Sbaglio ‘E Parole
Tracklist
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...