MOBY
Last Night

 
Tags:
 
16 Aprile 2008
 

C’era una volta Moby: puro, tosto, elettronico. Erano gli anni ’90.
Poi è arrivata la fine del secolo e Richard Melville Hall ha deciso di passare alla cassa ed ha sfornato un disco, che se non è un capolavoro è certo un classico sin dal primo ascolto: “Play”.
Moby ci ha anche riprovato, senza ripetere l’exploit, prima di prendersi una colossale sbronza (di quelle che non capisci più un cazzo ed è meglio se poi ti scordi tutto) per chitarre e sound wave con l’ultimo “Hotel”.

Per fortuna si è fermato un attimo ed ha deciso di raccogliere i cocci: ed ecco che torna ora, dopo un “Greatest Hits” dello scorso anno, con un album molto più dance di quanto ci ricordassimo. Non tanto tecnologico e scatenato come nei primi lavori, ma decisamente danzereccio: insomma più disco-music che house o techno. Con tutto ciò che questa scelta comporta. Il nostro newyorchese si rifà particolarmente ad un immaginario kitsch, se non addirittura trash in molte occasioni.

Nonostante questi presupposti, il disco parte davvero bene: “Oh Yeah” è uno spettacolo di scarti soul ed incedere electro, indeciso tra Moroder o i Daft Punk. Anche la successiva “I Love To Move In Here” sembra buona, ma viene abbastanza rovinata dall’intervento rap del veterano Grandmaster Caz.

Se “257.Zero” appare un po’ come degli Swayzak più grezzi, è sicuramente “Everyday It’s 1989” ad alzare il tono dell’album: ricorda da molto vicino quei bellissimi funk elettronici di “Play” impreziositi da vocals femminili e nerissimi, esasperandone però la struttura ritmica per renderla adatta a notti lunghe e sfrenate. Abbassa un po’ i toni, pur muovendosi sulle stesse linee guida, la lirica “Live For Tomorrow”, una delle vette della prima parte dell’album.
Basta poco per riprendere fiato e subito si torna a livelli alti di adrenalina e sudore: “I’m In Love” è un enorme e trascinante climax electro-house di raro spessore. Strappa un sorriso invece “The Stars”, estasi massiccia da fine dj-set, goliardica e terribilmente kitsch. Ed è a questo punto che inizia la seconda parta del disco: si spengono le luci, si abbassa di poco il volume e Moby inizia a giocare di fino, regalando nuove perle a chi ancora non è stanco o non ha smaltito i drink e tutto il resto.

“Degenerates” si pregia di un battito soffuso mentre disegna panorami ambient che ricordano tanto “Play” quanto i Massive Attack o Brian Eno. “Sweet Apocalypse” è pura meraviglia: un eterno rotolare di drum-machine, pochi profondissimi beat riverberati minimal, leggiadri affreschi dance ambientali… Plastikman, Boards Of Canada e Krafwerk tutti insieme nello stesso pezzo.

Quando arriva la fine e si chiude anche “Last Night”, ballatona soul-glitch (che tanto ricorda la conclusione dell’ultimo lavoro degli LCD Soundsystem), viene proprio da sospettare che una notte con questa colonna sonora non sarà forse l’ultima ma sicuramente è stata più di quanto ci fossimo immaginati all’aperitivo. Ci guardiamo inebetiti e sorridiamo, ancora non ci sentiamo di urlarlo… Ma bentornato Moby.

Cover Album
Band Site
MySpace
Last Night [ Mute – 2008 ]
BUY HERE
Similar Artist: Giorgio Moroder, LCD Soundsystem, Basement Jaxx, Wagon Christ
Rating:
1. Ooh Yeah
2. I Love To Move In Here
3. 257.zero
4. Everyday It’s 1989
5. Live For Tomorrow
6. Alice
7. Hyenas
8. I’m In Love
9. Disco Lies
10. The Stars
11. Degenerates
12. Sweet Apocalypse
13. Mothers Of The Night
14. Last Night
Tracklist
 
 

Huge Molasses Tank Explodes – ...

Milano blindata, come anche il resto d’Italia, e questo è assodato oramai. Il fatto di non dover uscire non è un effettivo problema per ...

Islet – Eyelet

Ci sono voluti ben sette anni per avere tra le mani il nuovo attesissimo lavoro del trio gallese degli Islet. Questo “Eyelet” ...

Twisted Wheel – Satisfying ...

Otto anni dopo il secondo (e fino ad oggi ultimo) album, sei dopo l’autoproclamato “funerale”, riecco sulla lunga distanza ...

Spinning Coin – Hyacinth

La compagine di Glasgow composta da Cal Donnelly, Chris White, Jack Mellin, Sean Armstrong e Rachel Taylor ripropone con ...

Waxahatchee – Saint Cloud

E’ sempre un vero piacere ascoltare la musica di Katie Crutchfield, ovvero Waxahatchee, che seguiamo ormai da parecchi anni. Questo ...