GRAVENHURST
Live @ Circolo Degli Artisti (Roma, 12/04/2008)

 
Tags:
30 Aprile 2008
 

È davvero misterioso il perché Nick Talbot rimanga un artista così sottovalutato. Di certo la critica ha sempre tenuto d’occhio ed elogiato la carriera dell’occhialuto musicista britannico. Poi insomma, il ragazzo incide per la Warp di Aphex Twin e dei Battles, non proprio un’etichetta sconosciuta!
Vero è che le composizioni targate Gravenhurst non sono fatte per sfondare, sia nel senso sonico del termine, sia in senso commerciale. Eppure essere sono foriere di emozioni, immagini e sensazioni indescrivibili. Gravenhurst è sembra ombra di dubbio uno dei progetti indierock/alt-folk più incantevoli degli ultimi anni. “The Western Lands” poi è un album così bello che ha rischiato di vincere la mia personale classifica di migliore lavoro del 2007, ma alla fine si è dovuto arrendere di fronte alla magnificenza dell’ “agguerrito” (in senso scherzoso) “Boxer” dei National, che ha conquistato il podio più alto.

La voce di Nick durante questo live è ancora più esile e più fanciullesca rispetto alle registrazioni in studio. A volte (per fortuna raramente) il nostro amato geek si perde per strada e si avventura in tonalità sbagliate…e sembra pure un tantino svociato.

I quattro Gravenhurst sembrano quattro spaesati studentelli abbondantemente fuori corso, quasi timorosi di affrontare il pubblico. Poi ti accorgi che paura non ne hanno proprio. Anzi Nick parla con il pubblico, fa qualche battutina salace, si mostra disponibile e aperto. A un certo punto il bassista Robin Allender si fa prestare da una astante un paio di occhialini dotati di alcune lucine intermittenti e con l’espressione raggiante (quindi totalmente in opposizione con la musica) si accinge a far pulsare il cuore nero di un altro pezzo mesto, crepuscolare, brumoso.

Il Circolo degli Artisti è pieno solo per poco più della metà e, dacché ero in fondo, arrivo tranquillamente in prima fila fin sotto i piedi di Nick. Ah, che artista sottovalutato. Scommetto che quando c’erano i Wombats due giorni fa il locale era pieno eh? Ma chissenefrega, Nicola è mio! Me lo coccolo io…

La strumentale “The Western Lands” apre le…ahem…danze. Scintillante, potente, imperiosa con quelle potenti e precise scansioni e le ariose aperture cinematiche. Si prosegue celebrando l’ultimo nato in casa Gravenhurst, con “She Dances”, “Hollow Men” (i ragazzi, durante il break “rumorista” del brano, si scatenano in un assalto sonoro ricco di selvaggi e contorti virtuosismi che non scorderò facilmente) e l’emozionantissima “Trust”. Si passa quindi alle sonorità vagamente “sinistre” di “Down River” e “The Velvet Cell”, con il quartetto in una versione più nervosa e più “misantropa”.
Una sottile tensione sopravvive in “Song Under The Arches”, “Saints”, “Tunnels”. Poi si disperde in un’atmosfera più raccolta (stavolta c’è molto meno coinvolgimento da parte dei quattro, lo si avverte chiaramente) con “Damage II”, “Hourglass” e “Nicole”, mentre un tizio del pubblico manda a quel paese Talbot perché ancora non ha eseguito “Black Holes In The Sand”. Poi il tipo si volta e mi chiede se hanno fatto “Diane” a inizio concerto poiché si è perso i primi pezzi.
E cavoli ci stava proprio bene “Black Holes” in chiusura, meglio della pur ammaliante “Nicole”.

Non si può dire che durante lo show (molto breve, tra l’altro: un’oretta ma forse anche meno) sia stata perfettamente ricreata la magia talbotiana. Tuttavia, almeno fino a “The Velvet Cell”, si è assistiti a una grande, a tratti commovente prova di bravura artistica.

Link:
Gravenhurst Official Site
Gravenhurst MySpace
Kick Agency

Mp3:

The Diver
(from the album “Flashlight Seasons”)

Animals
(from the album “Fires in Distant Buildings”)

GRAVENHURST su IndieForBunnies:

Recensione “THE WESTERN LANDS”

 

Glass Animals – Live ...

Con l’uscita del nuovo album “Dreamland“, un live coi fiocchi ce lo meritavamo tutti. Fortunatamente, le nostre ...

Birthday Girl – Live @ ...

Lunedì sera di inizio ottobre: una delle poche band in tour per l’Europa in questo momento sono i Birthday Girl, che passano anche per ...

Perfume Genius – Live ...

Il quinto album di Perfume Genius, “Set My Heart On Fire Immediately”, è uscito lo scorso maggio via Matador Records, ma ovviamente il ...

Lucio Corsi – Live @ Estate ...

All’interno della rassegna musicale (e culturale) Estate Fiesolana ecco il toscano Lucio Corsi: l’avevamo lasciato con ...

Belako – Live @ Parc Del ...

E’ un venerdì di mezza estate e i Belako, dopo il rinvio a causa del Coronavirus, oggi hanno pubblicato, via Belako Music / BMG, il loro ...