VAN MORRISON
Keep It Smile

 
 
30 Aprile 2008
 

[ratings]

Mi accostavo con timore a questo disco di Van Morrison, credevo di essermi dato la zappa sui piedi dopo aver deciso di farmi mandare dalla redazione la copia di “Keep It Simple”. Memore del putiferio scatenatosi su queste pagine riguardo la recensione di un disco dei Killers e della discussione nata dopo il mio articolo, non troppo entusiasta, sull’album di Christian Rainer (vi chiederete chi è costui, ma sappiate che ne esistono anche dei fan), ero pronto alla pubblica lapidazione se il mio gradimento non fosse stato all’altezza della fama del personaggio.

Dal 1967 ad oggi ha pubblicato quasi quaranta dischi, per cui c’erano tutti i presupposti per trovarsi di fronte ad un’artista bollito e un disco fiacco ed inutile. Fortunatamente sin dal primo ascolto si capisce che la realtà è ben diversa, per cui i fan possono anche conservare i sassi appuntiti per la prossima occasione. Siamo al cospetto di una mirabile prova di soul-blues venato di folk in cui al mestiere si aggiunge una ingente dose di ispirazione e divertimento. Si, divertimento, non tanto per l’approccio formale delle canzoni, costruite su tempi medio lenti, ma proprio per quella sensazione di convinzione in quello che si sta facendo che trapela da ogni brano.

Mi sembra di averlo davanti agli occhi Van Morrison, mentre suona in un locale fumoso ed alcolico e sorride di tanto in tanto al pubblico, di età media intorno ai cinquanta, che sorride di rimando pieno di soddisfazione. Me lo immagino, questo buffo e rotondo sessantatreenne mentre suona l’ukulele o si lascia andare ad un assolo di sassofono come fosse la prima volta, mentre canta di qualche amore perduto nel tempo e di qualche anima persa in qualche angolo remoto dell’Irlanda.
Certo, capolavori come “Astral Week” si scrivono una volta nella vita e qui siamo ben lungi da quelle inarrivabili vette, ma d’altra parte siamo anche lontani anni luce dall’annoiarci per l’ennesimo monumento del rock bollito e superato. “Keep It Simple” ha ancora tanto da dirci nella sua semplicità (gioco di parole inevitabile), accendete le casse e ascoltatene le storie. Non vi sorprenderete ma le assaporerete tutte d’un fiato.

Cover Album
Band Site
MySpace
Keep It Smile [ Lost Highway – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Bob Dylan, Neil Young, James Taylor
Rating:
1. How Can A Poor Boy
2. School Of Hard Knocks
3. That’s Entrainment
4. Don’t Go To Nightclubs
Anymore
5. Lover Come Back
6. Keep It Simple
7. End Of The Land
8. Song Of Home
9. No Thing
10. Soul
11. Behind The Ritual
Tracklist
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...