THE NIRO
S/T

 
 
13 Maggio 2008
 

[ratings]

Il sole, entrando dalla finestra aperta, gli fece venire un brivido che lo scosse nel cuore.

Federigo Tozzi (Il Podere)

Non capita tutti i giorni di rimanere elettrizzati per una nuova uscita discografica. Figuriamoci poi se, come nel caso in questione, si tratta di un disco d’esordio. Davide Combusti, in arte The Niro, riesce nell’impresa di inchiodare l’ascoltatore in uno stato d’estasi incredula per tutta la durata dell’album e anche oltre. Sono cose che capitano solo con i grandi, con quelli che spalancano il cuore facendoci entrare tonnellate di luce rigenerante, oscurando in un batter d’ascolto altrui pomposità. Album completo, romanticamente classico, monoliticamente prorompente, sfaccettato, virtuoso ed ubriaco di sfumature e interstizi d’altissima classe.

The Niro è più di una promessa, va ben al di là di una scommessa e non si può etichettarlo semplicemente come una ‘speranza’ della musica italiana: queste sono frasi da palco di Sanremo. Davide Combusti è l’incarnazione dei sogni di ognuno di noi, è uno che ce l’ha fatta solo grazie alla sua bravura. Da Roma a New York per firmare con la Universal: perché è di un talento straripante, perché è l’unico che fa danzare dentro di sè Jeff Buckley ed Elliott Smith senza timore di risultare loro inferiore o di sembrare un semplice emulo. No, Davide viaggia sulla loro stessa lunghezza d’onda e questo disco ne è un’ulteriore dimostrazione dopo un Ep di lancio, che ha lasciato senza fiato chiunque se ne sia nutrito. D’altronde quando ci si ritrova una voce del genere, tutto è permesso. Corde vocali calde, ora melodiose oltre il possibile, ora lucide e condensate in attimi che rivelano un abbraccio fraterno che sembrava perso. Voce ipnotica, intensa come il bianco ossessivo di una porcellana di Capodimonte, voce fatta d’argilla e sospiri divini, s’avviluppa generosa in falsetti stratosferici che rimandano all’Olimpo delle grandi ugole mondiali per confondersi in un suono efebico al di là delle classificazioni di genere.

Ogni canzone ha un suo riff riconoscibilissimo, originale, autentica rivendicazione di dedizione nella composizione, manifesto di notti vissute alla ricerca della magia finale. Diverse anime si mischiano nei tredici pezzi di quest’esordio; dall’irruenza rabbiosamente rock di “Liar” e di “You Think You Are” ad esempio, alla circolarità perfetta del pop sopraffino che s’insinua silenzioso in ogni arrangiamento, alla calda intimità folk di pezzi come “Josèe” o “About Love And Indifference” autentica pietra angolare dell’album tra malinconia e ritmo, tra accenni di flamenco e giri di chitarra pizzicati. Canzone dopo canzone The Niro, che tra l’altro ha suonato ogni strumento del disco, costruisce un piccolo porto sicuro, dove diventa piacere estatico osservare l’ira del mare che si frange sulle rocce. Seguire la voce di Davide è come navigare il corso di un fiume, dall’inizio sussurato, attraverso le rapide irruenti, fino alla quiete dolce dello scorrere per le calme insenature finali.

Il sole è entrato dallo stereo e ha colpito in pieno facendoci trasalire di contentezza. Il vostro prossimo cantante preferito vi aspetta timido, senza fretta, ma fiducioso del vostro buon gusto.

Cover Album
Band Site
MySpace
The Niro [ Universal – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Jeff Buckley, Elliott Smith, Terje Nordgarden, Joseph Arthur
Rating:
1. You think you are
2. Liar
3. About Love And Indifference
4. So Different
5. Cruel
6. Mistake
7. An Ordinary Man
8. Josèe
9. Just For A Bit
10. Baisers Voiès
11. Marriage
12. Hollywood
13. I Wonder

THE NIRO su IndieForBunnies:

Intervista con THE NIRO

Tracklist
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...